fbpx

Culturalia di Norma Waltmann / Comunicazione d’arte e organizzazione eventi culturali

GIORGIO BEVIGNANI- GALLERIA STEFANO FORNI

BOLOGNA, GALLERIA STEFANO FORNI
dal 21/09 al 07/11

RUBRAREBOUR sarà la prossima grande mostra personale che la Galleria Stefano Forni di Bologna dedica a Giorgio Bevignani dal 21 settembre al 7 novembre 2018.

Nella mostra, a cura di Silvia Grandi, saranno esposti alcuni dei lavori più significativi dell’ultima produzione dell’artista assieme ad altri che scandiscono con puntualità tappe importanti della sua ricerca pluridecennale incentrata sul suggestivo agglomerarsi dei materiali utilizzati – quali carta, silicone, pigmenti, fibre polipropileniche intrecciate, eccetera – modulati di volta in volta nelle diverse serie di lavori esposti.

La malleabile e fluida materialità del silicone pigmentato è la protagonista di RubraRebour, l’imponente installazione sospesa, dall’aspetto gelatinoso e pieno di trasparenze, che apre la mostra, accogliendo i visitatori sin dal cortile antecedente i locali della galleria, mentre all’ingresso sarà visibile una serie di lavori su carta, degli studi ad acquarello sulla trasparenza e la profondità del colore intrapresi dall’artista sin dai primissimi anni Novanta.

Il percorso espositivo continua nella sala centrale con la serie Silenzio Nudo, ispirata a un verso del poeta Giacomo Leopardi, e consistente in una straordinaria collezione di pannelli honeycomb dove le variazioni cromatiche del rosso sangue e del viola intendono recuperare, appunto, andando “a ritroso”, le primigenie istanze e manifestazioni  della  natura, proponendosi come una sorta di linguaggio umano che viene prima dei segni e della scrittura. Questi dipinti nascono dall’esplorazione dell’uso del silicone che, mischiato al colore su una base di più strati cromatici, dona profondità alle superfici senza l’utilizzo del chiaro scuro della pittura ma sfruttando la tecnica della sovrapposizione propria della scultura, dando così vita a una patina semitrasparente come un tessuto organico, che al tatto ricorda la morbidezza e l’elasticità della pelle.

Sei interessato alla promozione e comunicazione del tuo evento, mostra o progetto?

Compila il modulo di contatto descrivendo la tua richiesta.

Oppure contattaci telefonando al numero:

Torna su