Culturalia di Norma Waltmann
comunicazione d'arte e organizzazione eventi culturali
BOLOGNA, AUTOSTAZIONE, dal 27/01 al 29/01
SETUP CONTEMPORARY ART FAIR
E' on line l'application form della V edizione di SetUp Contemporary Art Fair
 
Nell'art week bolognese dal 27 al 29 gennaio 2017 presso l'Autostazione di Bologna!
Tema SetUp 2017
 
 
×
 
BOLOGNA, GALLERIA MAURIZIO NOBILE, dal 13/11 al 23/12
DALL'IDEA AL TRATTO. DISEGNO IN EMILIA DAL XVII AL XIX SECOLO
Annunciamo la prossima grande mostra organizzata dalla Galleria Maurizio Nobile di Bologna e curata da Marco Riccomini.
 
Dall'Idea al Tratto. Disegno in Emilia dal XVII al XIX Secolo.
 
Vernissage Sabato 12 novembre 2016
Collegamenti:
www.maurizionobile.com 
 
Gaetano Gandolfi Venere e Adone morto
 
×
BOLOGNA, PORTANOVA 12, dal 29/06 al 09/07
GIARDINI DI PATAGONIA - DI ANA LIMAY
Ana Limay e' nata nel 1985 nella Patagonia argentina, una regione montuosa circondata da laghi. Nel 2004 si trasferisce a Buenos Aires, dove studia arte a Prilidiano Pueyrredon (Nacional University of art) e dove attualmente lavora come docente.
Per quanto riguarda la tecnica della pittura e' affascinata dal colore. Lei si ritiene in realta' una ricercatrice del colore.
Ama dipingere il suo ambiente, oggetti della vita quotidiana, giardini e paesaggi. Oggi ha il suo studio vicino a una stazione ferroviaria. E questo e' diventato uno dei suoi temi preferiti.
Ana Limay Finestra Gialla
 
 
 
 
 
 
×
Palazzo Pretorio-Cittadella (PD), dal 28/05 al 06/11
ALBERTO BIASI: GLI AMBIENTI
Dal 28 maggio al 6 novembre, Palazzo Pretorio ospitera' la mostra "Alberto Biasi: gli ambienti", curata da Guido Bartorelli che e' anche curatore del relativo catalogo ragionato. La mostra testimonia la rinnovata attenzione che storici dell'arte, pubblico e mercato stanno rivolgendo all'opera del grande artista padovano Alberto Biasi e, in generale, al plesso di ricerche variamente indicate come arte optical, cinetica, gestaltica o programmata, che ebbero estrema rilevanza nel corso degli anni Sessanta del Novecento.
Tra i fondatori del padovano Gruppo N, Biasi, classe 1937, e' uno dei piu' coerenti artisti ottico cinetici europei. Nel corso della sua attivita' artistica, la sua partecipazione collettiva e il percorso individuale si compenetrano l'un l'altro, con una peculiarita' che fa del suo singolo cammino qualcosa di essenziale anche per il gruppo con cui ha condiviso il progetto negli anni 1960-64 di frenetica attivita': la continuita'.
Alberto Biasi 1961 2016 Proiezione di luce e ombra
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
×
CASA TESTORI - NOVATE MILANESE (MI), dal 21/05 al 24/07
ANDREA BIANCONI-YOU AND MYSELF-PERFORMANCE 2006-2016
Con "You and Myself" Andrea Bianconi (Vicenza, 1974) torna a Casa Testori, occupando gran parte delle stanze, con il suo bagaglio di performance lungo dieci anni in cui l'artista impiega il corpo come linguaggio espressivo e matrice di segno. Un segno che non cerca l'esibizione spettacolare, la rivelazione provocatoria, ma che acquisisce il proprio essere (la propria identita'), cessando di essere segno di qualche cosa. E' come se non avesse niente da dire, ma solo una serie di eventi da suggerire, da far intuire. Nelle sue performance siamo invitati a cercare anche cio' che non c'e' (che non si vede, che non si sente), a intuire l'alternativa possibile, l'altra faccia del mondo. A stanare il soggetto che si nasconde nell'altro (o nell'altrove). Il myself che si con-fonde con you. La sua e' la poetica dello spostamento e della transizione continua.
ANDREA BIANCONI YOU AND MYSELF immagine guida
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
×
Accademia di Belle Arti, MAMbo, Istituto Parri , dal 25/04 al 29/04
PUNTO A CAPO 1946-1976-2016 / AMNISTIA-OBLIO-CENSURA
Il progetto VOCI, giunto alla sua terza edizione, presentera' il prossimo 25 aprile alle ore 16 presso l'Accademia di Belle Arti di Bologna PUNTO A CAPO. 1946-1976-2016 / AMNISTIA- OBLIO-CENSURA.
 
Una mostra diffusa (dal 25 al 29 aprile) per ripercorrere la storia, per guardare, ascoltare, interpretare insieme le dinamiche, le ragioni e i processi del dimenticare individuale e collettivo.
 
Il progetto rafforza la sua vocazione di riflettere sulla Memoria, raccontando la volonta', la necessita', la violenza del Dimenticare.
 
Amnistia Togliatti (1946); Oblio che segue la morte di Franco (1976); Censura contemporanea (2016): queste le 3 date e le 3 direzioni di senso che hanno ispirato le riflessioni e le azioni condotte dai protagonisti del progetto confluendo in tre allestimenti interattivi, ospitati dall'Aula Magna dell'Accademia di Belle Arti, dalle sale espositive del MAMbo e dai locali dell'Istituto Parri.
In volo Elaborato realizzato dal gruppo Senior workshop MAMbo a partire dalle foto d Archivio dell Istituto Parri
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
×
ABC, BOLOGNA, dal 22/04 al 28/05
IL MALE DEGLI ARDENTI DI GIOVANNA CAIMMI
ABC-Arte Bologna Cultura rende omaggio al grande artista Hieronymus Bosch attraverso le opere di Giovanna Caimmi.
 
A Bologna, dal 22 aprile al 28 maggio sara' possibile visitare la mostra di Giovanna Caimmi "Il Male degli Ardenti", a cura di Beatrice Buscaroli e fortemente voluta da ABC per rendere omaggio in modo originale al grande artista olandese Hieronymus Bosch, di cui ricorre quest'anno il cinquecentenario della morte.
L'artista ha sviluppato un progetto complesso ispirandosi ai lavori del pittore fiammingo, da lei rielaborati in maniera del tutto personale. In esposizione ci saranno diverse tipologie di opere: sculture create nella compresenza di materiali diversi, ceramica, marmo, ma anche gomma siliconica, plex e natura, disegni, ma anche numerosi video che animano oggetti e sculture.
Giovanna Caimmi Tentazioni2
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
×
FERRARA FIERE , dal 06/04 al 08/04
RESTAURO 2016
Dal 6 all'8 aprile 2016 la storica sede ferrarese di Restauro riapre le porte per accogliere un pubblico sempre piu' ampio, con un nuovo sottotitolo che diventa manifesto di questa XXIII edizione: Salone dell'Economia, della Conservazione, delle Tecnologie e della Valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali.

Il Salone vuole coinvolgere, ed e' stato a sua volta coinvolto, all'interno di un programma di grandi riforme e cambiamenti, in seno alle nuove politiche ministeriali in ambito di gestione del patrimonio culturale, di cui quest'anno si fa portavoce con un'attenzione sempre crescente per l'Economia Culturale.
 
Una nuova veste che e' stata cucita insieme al MiBACT - Ministero dei Beni e delle Attivita' Culturali e del Turismo, partner storico della manifestazione, che ha individuato nel Salone la giusta cornice per rappresentare il Sistema Museale Italiano in tutta la sua interezza e complessita'; in concomitanza ed all'interno di Restauro prendera' infatti vita MUSEI, un nuovo Salone rivolto in particolare alle aziende di pertinenza e in dialogo diretto con le realta' museali, pubbliche e private.
Restauro 2016
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
×
FERRARA FIERE, dal 06/04 al 08/04
LA FONDAZIONE PLART AL SALONE DI RESTAURO 2016
La Fondazione Plart, museo privato che nasce nel 2008 con l'obiettivo di diffondere e promuovere la cultura e la ricerca scientifica legata ai materiali polimerici, e' stata invitata a partecipare alla XXIII edizione di Restauro-Salone dell'Economia, della Conservazione, delle Tecnologie e della Valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali, il rinomato appuntamento internazionale che si terra' dal 6 all'8 aprile a Ferrara.
 
Per la dinamica e innovativa realta' di Napoli sara' occasione per offrire una panoramica a 360 gradi di quelle che sono le sue finalita' e attivita'. Durante i giorni ferraresi il Plart si presentera' come museo con uno stand espositivo all'interno il quale sara' mostrata una selezione di oggetti di design della collezione permanente e saranno presentati i risultati raggiunti dal laboratorio di restauro di recente costituzione, coordinato da Alice Hansen e Antonella Russo.
 
Un ulteriore prestigioso motivo per la partecipazione della Fondazione e' la presentazione degli atti del convegno "Il Futuro del Contemporaneo. Conservazione e Restauro del Design" (Gangemi Editore) a cura di Giovanna Cassese, programmata per giovedi' 7 aprile, ore 15.00 ed e' considerato uno degli eventi piu' attesi del Salone per per il suo valore unico e di grande eccellenza a livello internazionale.
Laboratorio Plart a sn Haim Steinbach color becomes alter ego 2 1984 maschera in lattice a dx Keith Mascheroni Fusillo 2006 Heller USA poliuretano
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
×
ABC, Bologna, Via Alessandrini 11, dal 19/03 al 16/04
FIUME di Valentina D'Accardi
La mostra "Fiume" di Valentina D'Accardi, vincitrice del Premio SetUp 2016, e' a cura di Maura Pozzati.
 
Dell'artista saranno in mostra fotografie, disegni e alcuni video che fanno parte di un racconto di vita e di famiglia, un vissuto drammatico,toccante e coinvolgente.
 
E' il prossimo progetto ABC per iniziare la stagione primaverile.
Valentina d Accardi 44.665004 1.451304
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
×
Bologna - Teatro Manzoni, dal 18/03 al 18/03
SERIAL KILLER
Venerdi 18 Marzo 2016 andra' in scena un'originale produzione del Teatro Auditorium Manzoni, sotto la Direzione Artistica del M. Giorgio Zagnoni, dal seducente titolo Serial Killer: un racconto figurativo e musicale che vede protagonista Carlo Lucarelli e il Jazz on Dark Project sotto la sapiente regia di Andrea Maioli.
 
Se c'e' un uomo in Italia che sa esplorare la meta' oscura dell'animo umano, questo e' sicuramente Carlo Lucarelli.
E lo scrittore-sceneggiatore sbarca per la prima volta come protagonista su un palcoscenico con una lettura scenica che attinge alle sue ricerche, ai suoi romanzi e ai saggi e ai programmi televisivi. Ai suoi viaggi nelle storie dark del mondo.
MANIFESTO
 
 
×
INNSBRUCK, DUOMO SAN GIACOMO, dal 10/02 al 27/03
OLTRE IL SACRO DI ANNAMARIA GELMI
Ogni anno nel Duomo San Giacomo di Innsbruck, durante la Quaresima, Kunstraum Kirche promuove il dialogo tra tradizione e modernita' negli spazi sacri, attraverso l'installazione di opere d'arte contemporanea nelle chiese.
Il comitato scientifico seleziona un artista a livello internazionale a cui si richiede di produrre un'opera site specific.
 
Kunstraum Kirche 2016 vedra' come protagonista l'artista italiana Annamaria Gelmi con l'installazione "Oltre il Sacro"
 
Fin dal diciannovesimo secolo la chiesa era tra i principali committenti di opere d'arte, oltre ad essere il luogo dove le stesse venivano esposte. Protraendo questo modello Kunstraum Kirche vuole rinnovare, in chiave moderna, la collaborazione tra chiesa e artisti che si stava perdendo.
Annamaria Gelmi Oltre il sacro installazione pavimento
 
 
 
 
 
 
 
 
×
ARTEFIERA, AREA TALK, GALLERY HALL 25-26, dal 31/01 al 31/01
DO UT DO 2016 SI ANNUNCIA AD ARTEFIERA
Ad ArteFiera si annuncera' la terza edizione di do ut do con l'intervento do ut do. Arte, Design, Architettura nella responsabilita' sociale.
Parteciperanno Aldo Colonetti, critico architettura e design, Laura Carlini Fanfogna, Direttrice Bologna Musei e MAMbo, Sebastiano Maffettone, Docente Filosofia Politica e Michele De Lucchi, Architetto e designer.
 
Saranno presenti artisti, designer e architetti del panorama internazionale che hanno aderito al progetto do ut do.
 
L'appuntamento si svolge domenica 31 gennaio dalle ore 13.45 alle ore 14.30 nell'Area Talk della Gallery Hall 25-26 di ArteFiera
×
Bologna, Autostazione, Piazza XX Settembre 6/Via dell'Indipendenza, dal 29/01 al 31/01
SETUP CONTEMPORARY ART FAIR 2016
E' in arrivo la Quarta Edizione di SetUp Art Fair la fiera indipendente d'arte contemporanea indipendente
 
Procedono con grande entusiasmo i preparativi per la quarta edizione di SetUp, la fiera indipendente dedicata all'arte contemporanea che, sempre in fascia serale, dal 29 al 31 gennaio 2016 e in occasione dell'art week a Bologna, riaccendera' gli spazi dell'Autostazione, sede confermata fin dal debutto e ormai tra i simboli dell'avanguardia culturale bolognese.
 
SetUp, organizzata dalle curatrici e critiche Simona Gavioli e Alice Zannoni, nasce con l'intenzione di gettare le basi per predisporre un nuovo sistema dell'arte e chiede a chi appartiene proprio a questo sistema culturale di fare una riflessione sul tema dell'Orientamento, raccontandola con un progetto curatoriale.
Pertanto conserva anche per questa edizione il format che punta sugli artisti emergenti e sui giovani attori del mondo dell'arte, mantenendo il trittico formato da galleria, curatore e almeno un artista quest'ultimi entrambi under 35.
 
Questa edizione prevede anche un ampliamento degli spazi dedicati alla fiera con 44 stand e alla sua offerta di eventi collaterali.
 
Il tema di quest'anno e' l'Orientamento ovvero la facolta' di riconoscere dove ci si trova e sulla base di cio' capire come muoversi e dove andare.
Logo SetUp Contemporary Art Fair 2016
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
×
Bologna, Galleria Maurizio Nobile e ad Artefiera nella Galleria Laocoonte, dal 23/01 al 01/02
EVA CONTRO EVA E LA LAOCOONTE
La citta' di Bologna si prepara ad accogliere per il mese di gennaio gli splendidi lavori della rinomata artista Lea Monetti con un duplice evento espositivo firmato dalla Galleria Maurizio Nobile in collaborazione con l'autorevole Galleria del Laocoonte di Roma.
La Galleria Maurizio Nobile, tra le piu' conosciute a livello internazionale con una sede distaccata a Parigi, sceglie di replicare anche quest'anno la propria partecipazione al consueto appuntamento dell'Art Week di Bologna, presentando, dal 23 gennaio all'1 febbraio 2016, un ricercato evento espositivo incentrato sull'installazione "Eva contro Eva" mostra dedicata alla celebre artista italiana con due intensi ritratti scultorei della figura di Eva, la prima donna.
Un'Eva Mitica e un'Eva contemporanea, Eva 2000.
 
La Galleria Laocoonte invece presentera' in esclusiva nel suo stand ad Artefiera l'ultimo lavoro commissionata dalla Galleria alla Monetti, "La Laocoonte". Si tratta di una rivisitazione della figura mitologica del Laocoonte in chiave femminile e materna, madre che nelle intenzioni dell'artista, vince contro la condanna degli Dei.
La Laoconte di Lea Monetti 2015 bronzo courtesy Galleria Laocoonte
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
×
 
Londra, Andipa Gallery, 162 Walton Street, dal 10/12 al 09/01
SPOTLIGHT AWARD 2015-I'M READY TO LIVE di Giorgio Bevignani
L'artista Giorgio Bevignani e' il vincitore del Spotlight Award 2015 con l'opera I'M READY TO LIVE.
Ogni anno la Royal British Society of Sculptors, in collaborazione con la Andipa Gallery di Londra, seleziona a livello internazionale un'artista a cui viene assegnato questo premio che consiste, tra le altre cose, in una mostra personale.
 
Bevignani racconta l'opera cosi': "Dopo aver letto "La nube del telaio" di Elemire Zolla", ho pensato a un immenso deserto, dove si poteva immaginare la fine di ogni cosa, oppure ogni inizio; iniziai a tessere, per realizzare una grande rete da pesca, per pescare in mare o in quel nulla del deserto, abbandonato da ogni serto: luogo in cui ogni serto si disfa. Sertum e' l'intreccio.
Una rete grande come un deserto, da cui fuggire. Oggi ci sono orde di persone che fuggono dai loro deserti per conquistare una vita migliore, o semplicemente per cominciare a vivere.
Giorgio Bevignani I m ready to live
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
×
Palazzo Pretorio, Cittadella (PD), dal 05/12 al 03/04
MAKING SENSE. Artisti + Makers per nuovi immaginari possibili
Il progetto espositivo Making Sense e' il tentativo di porre assieme, in collaborazione, due ambiti creativi, che finora si sono quasi del tutto ignorati: artisti e makers. E' possibile che la loro collaborazione faccia luce sulle pratiche degli uni e degli altri? E' possibile che questo ponte dischiuda al nostro sguardo prospettive inedite, che contribuiscano a dare senso all'esperienza del contemporaneo?
 
Making Sense mira infatti ad indagare le interazioni tra il linguaggio dell'arte contemporanea e un tema quanto mai attuale, la nuova artigianalita' e le pratiche ad essa connesse, di cui sono figura chiave i makers, facendo allo stesso tempo tesoro del contesto territoriale in cui si opera, ricco di storia e testimonianze artistiche, ma anche di spirito di impresa, attivita' di ricerca, desiderio di sperimentazione.
 
I curatori, Guido Bartorelli, Caterina Benvegnu' e Stefano Volpato hanno scelto di attivare ardite e sperimentali collaborazioni tra cinque artisti contemporanei, i cui linguaggi espressivi vanno dall'installazione alla scultura, dalla ricerca sonora al digitale, e che sono Francesco Bertele', Roberto Fassone, Kensuke Koike, Laurina Paperina e Elisa Strinna, e tre realta' maker italiane: Friends Make Books (Torino), Lumi Industries (Treviso), Recipient.cc (Milano).
 
Progetto promosso dalla Fondazione Palazzo Pretorio Onlus, Comune di Cittadella e la Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo
 
Immagine.guida Making Sense
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
×
Bologna, Varie location, dal 26/11 al 29/11
TRANSIZIONI. RASSEGNA INTERNAZIONALE DEL FILM FOTOGRAFICO
Dopo l'edizione Zero che ha visto la partecipazione di 25 artisti internazionali, Transizioni si presenta quest'anno con piu' di quaranta lavori e oltre cinquanta artisti.
Non solo fotografi, ma montatori, musicisti, disegnatori, scrittori si intrecciano, a volte scambiando i propri ruoli, per costruire universi unici che portano profondamente radicata in loro la volonta' di essere condivisi con il chi guarda.
 
Nell'edizione UNO Transizioni prova ancora una volta a mettere in primo piano il rapporto tra autori e pubblico in una declinazione di quello che genericamente possiamo chiamare "film fotografico". Dal semplice diaporama sonoro al montaggio piu' complesso in cui la tecnologia interviene nella creazione di effetti funzionali alla scrittura scelta dall'autore, i progetti presentati propongono una visione singolare sulla realta' utilizzando l'interazione tra la fotografia e le altre discipline.
 
La rassegna si svolgera' dal 26 al 29 novembre 2015 in cinque spazi del centro di Bologna omogenei per la loro missione culturale (Teatro San Leonardo, Ateliersi, Un Altro Studio/Capodilucca, Spazio Labo' e Leica Store Bologna).
LocandinaTransizioniUNO
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
×
Bologna, Cinema Lumiere Via Azzo Gardino 65, dal 22/11 al 22/11
Ho conosciuto Magnus film di Paolo "Fiore" Angelini
ABC, in vista dell'imminente ricorrenza del ventennale della morte del celebre artista bolognese Roberto Raviola (1939-1996), meglio conosciuto con lo pseudonimo di Magnus, ha prodotto e realizzato uno straordinario progetto cinematografico, omaggio alla sua persona, che si e' concretizzato nel film di Paolo "Fiore" Angelini "Ho conosciuto Magnus".
 
Il film si presenta come scandito in tre tappe fondamentali che ripercorrono la carriera di uno dei piu' grandi autori italiani nel campo del fumetto.
Un vero e proprio viaggio nei tre atti della produzione artistica di Magnus, ma anche in quella che e' la sua sfera privata: due dimensioni che all'interno del film, cosi' come nella sua vita, si muovono sorprendentemente di pari passo.
 
Il film sara' proiettato al pubblico in anteprima nazionale, come evento conclusivo del festival BILBOLBUL, al Cinema Lumie're della Cineteca di Bologna (via Azzo Gardino, 65) nella serata di domenica 22 novembre 2015 alle ore 20.15 e alle ore 22.15.
Paolo Fiore Angelini regista del film Ho conosciuto Magnus
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
×
via Martucci 48, Napoli, dal 16/11 al 00/00
Fondazione Plart
La Fondazione Plart e' uno spazio polifunzionale il cui obiettivo culturale primario e' la diffusione della storia e della cultura dei materiali polimerici, unitamente ad un loro utilizzo corretto e consapevole.
Sotto il profilo museale, essa nasce come spazio atto a conservare, studiare e comunicare al pubblico un'importante raccolta di plastiche storiche di oltre 1500 pezzi, tra oggetti di design anonimo e d'uso quotidiano e opere di designer e artisti contemporanei, frutto dell'ormai trentennale attivita' collezionistica di Maria Pia Incutti a cui sono state dedicate, a partire dagli anni '90, importanti occasioni espositive nazionali ed internazionali.
Accanto alla collezione permanente il Museo promuove importanti eventi espositivi, il cui filo conduttore e' il rapporto che l'arte e il design hanno con il mondo della plastica d'autore.
Collezione storica Fondazione Plart
 
 
 
×
Fondazione Plart, Napoli - via Martucci, 48, dal 16/11 al 18/12
Plastic Village. Il limite imperfetto tra architettura e design
La Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee di Napoli e' lieta di annunciare Plastic Village - Il limite imperfetto tra architettura e design, realizzato nel contesto di PROGETTO XXI (ed. 2015) in collaborazione con la Fondazione Plart di Napoli. Il progetto si articola in un workshop (16-17-18 novembre 2015) e in una mostra (3 dicembre 2015-9 gennaio 2016).
 
Con il coordinamento e curatela dell'Arch. Cherubino Gambardella e sotto il patrocinio della Seconda Universita' di Napoli, il progetto Plastic Village affronta una delle questioni piu' complesse e attuali del nostro tempo: quella dell'immigrazione.
 
Gambardella afferma l'esigenza di creare dei Plastic Village che non abbiano un'utilita' puramente tecnica, ma che servano a dare "all'accoglienza un carattere gradevole sin dalla prima fase, che e' quella piu' difficile, dell'ospitalita' immediata, che va risolta in modo sorridente e architettonicamente plausibile, nell'attesa o di una implementazione definitiva della struttura di prima accoglienza o, ancor meglio, di una piu' solida politica di integrazione stabile". L'architettura tessile si propone come la risposta al tema della temporaneita', divenendo non piu' isolamento del diverso ma un mezzo di integrazione degli individui, che in quest'ottica divengono ospiti e non piu' stranieri.
Prototipo unità abitativa Plastic Village ph.Luciano Romano
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
×
Bologna, Galleria B4, Via Vinazzetti 4/b, dal 24/10 al 25/11
VOLTI OLTRE di Alessandra Alma Masi
Volti oltre porta l'osservatore oltre la fisionomia, dentro i piccoli particolari, verso uno sguardo libero da barriere di forma. Il segno, la pasta, la densita' del colore danno impulsivamente vita ai tratti spingendosi oltre. L'assenza del progetto mette in luce il timone in mano al colore, al segno, che talvolta e' prepotente; i toni e la luce sono accesi ma piu' spesso freddi e indagano la parte oscura di ogni soggetto. Per nulla interessati a scorgere un sorriso ma piuttosto il tormento, la smorfia, il sonno, il pensiero che pesa nel dubbio, il fascino del difetto. Lame di luce come strappi su strati di apparenze malcelate da dove pian piano si scorge e prevale il volto nudo.
L'artista, ancora incapace di produrre un autoritratto, indaga chi la circonda, trovando cosi parte di se'.
 
Alessandra Alma Masi nasce a Bologna nel 1970. Fin da bambina e' attratta dai volti della gente e ne traccia le fisionomia a matita. Una grande passione per il cinema la vede coinvolta per oltre vent'anni tra pubblicita', televisione e videoclip, ma la sua forte propensione verso l'arte e i volti la spingono a prendere mano al pennello. Negli ultimi otto anni realizza, volutamente da autodidatta, numerosi ritratti a olio su tela e carta da pacchi cercando in quei volti cio' che da uno sguardo superficiale non emerge.
Alessandra Alma Masi Liz 75x100 olio su carta
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
×
Palazzo Pretorio, Cittadella (PD), dal 10/10 al 00/00
"Non sei piu' tu - Azione uno", performance inedita di Giovanna Ricotta
Sabato 10 ottobre alle ore 18.00 durante il finissage della mostra GR | Giovanna Ricotta, in concomitanza con l'Undicesima Giornata del Contemporaneo, sara' possibile assistere all'inedita azione performativa Non sei piu' tu - Azione uno (2015) durante la quale l'artista Giovanna Ricotta dara' vita all'installazione site-specific, centro nevralgico della mostra, creata appositamente per la cornice di Palazzo Pretorio.
Una singolare scultura nera, dal design sinuoso ed essenziale realizzata con l'innovativa tecnica 3D, un'Urna che rappresenta una sorta di se' interiore dell'artista composto da polvere di grafite, chiuso da un copricapo/coperchio che solo alla sua apertura svela l'incisione in oro del logo GR, traduzione della presenza dell'artista in forma grafica.
 
Durante l'azione performativa, che si sviluppera' a terra su un tappeto performativo di carta di cotone, Giovanna Ricotta utilizzera' la grafite solo con alcune parti specifiche del suo corpo per imprimere la carta con i gesti, cristallizzati in segni astratti, compiendo un percorso avanti e indietro che idealmente collega il presente al passato artistico degli esordi.
 
A seguire alle ore 19 la presentazione del catalogo/libro di GR | Giovanna Ricotta, edito da CLEUP.
Non sei più tu Urna ph.Corrado Ravazzini
 
 
 
×
Bologna, dal 10/10 al 06/12
Caravan - Circolare
La mostra Circolare il 10 ottobre alle 18.30 inaugura una nuova e frizzante stagione culturale a Bologna con il nuovo progetto culturale CARAVAN. Dopo le tre stagioni ben collaudate di SetUp Art Fair e con la quarta edizione in preparazione, Simona Gavioli e Alice Zannoni hanno deciso di fondare l'associazione culturale CARAVAN per far vivere lo spazio dell'Autostazione oltre i giorni della manifestazione fieristica con una programmazione annuale di esposizioni e attivita'.
31 artisti + 1 project per una collettiva ispirata al circo come metafora di lettura del presente attraverso l'arte.
CaravanSetup
 
 
 
 
 
×
Bologna, dal 30/09 al 03/10
BOLOGNA DESIGN WEEK 2015
Da mercoledi' 30 settembre a sabato 3 ottobre 2015, la citta' di Bologna entrera' nel circuito internazionale degli appuntamenti dedicati al design con la prima edizione di Bologna Design Week (BDW), articolata piattaforma di networking e percorso culturale dedicato all'innovazione e alla promozione attraverso la forza propulsiva del design, che prendera' vita nel centro storico di Bologna, in concomitanza al Salone Internazionale del CERSAIE, appuntamento che da oltre 30 anni attira visitatori e professionisti del settore da tutto il mondo.
 
Bologna Design Week nasce dalla lungimirante iniziativa di YOUTOOL //design out of the box.
 
Bologna Design Week creera' una mappatura delle eccellenze del settore e la loro messa in rete in un sistema integrato di comunicazione, favorendo scambi proficui tra visitatori e istituzioni, pubblico e privato.
 
Al pubblico della design week verra' offerto un esteso percorso espositivo che si snoda tra studi di progettazione, showroom, negozi, gallerie e hotel indicati da apposita segnalazione, dove designer affermati e giovani emergenti potranno presentare e far conoscere le nuove tendenze, prototipi e opere, e percorsi di open studios, ma anche eventi con cui l'iniziativa di commercianti, e punti vendita legati dalle tradizioni locali, fino al food design e alle ricerche piu'sperimentali, sara' vagliata per arricchire, con nuovi scenari allestitivi, un'esplosiva offerta all'insegna del design: i negozi si trasformano in gallerie e gli aperitivi in vernissage.
 
Come ogni appuntamento di settore che si rispetti, Bologna Design Week avra' un fitto calendario di workshop, corsi di formazione, presentazioni e meeting, occasione per seguire laboratori e approfondimenti formativi, realizzati in collaborazione con le scuole di design, per entrare in contatto con le aziende produttrici e per scoprire le novita' del settore.
youtoolers
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
×
ABC, Bologna, dal 24/09 al 24/10
Il Padiglione Barcellona a Bologna. Una storia da Mies van der Rohe a Ruegenberg
ABC inaugurera' la stagione autunnale il prossimo 24 settembre, alle 18.30, con la mostra Il Padiglione Barcellona a Bologna. Una storia di disegni da Mies van der Rohe a Ruegenberg, visitabile fino al 24 ottobre 2015.

Proprio in occasione della Bologna Design Week, settimana dedicata al Design, durante il CERSAIE, ABC sceglie di dare un contributo di grande qualita' al racconto della storia dell'Architettura e del design presentando gli inediti disegni del Padiglione Barcellona, realizzato da Mies van der Rohe per rappresentare la Germania all'Esposizione Universale del 1929.
 
La volonta' insita nel progetto e' di raccontare l'affascinante storia di questi disegni, fatta di persone, di architettura, di passione e di affari di stato internazionali.
La vasca grande con la lunga panca e due persone sedute all'ombra del muro rivestito in travertino disegno di Sergius Ruegenberg
 
 
 
 
 
 
 
 
×
Palazzo Libera di Villa Lagarina (TN), dal 04/07 al 20/09
Annamaria Gelmi protagonista a TRANS LIMITE
La celebre e poliedrica artista trentina Annamaria Gelmi sara' tra le protagoniste dell'apertura di TRANS LIMITE, mostra collettiva tutta al femminile organizzata su iniziativa di PROMART Trento, in collaborazione con il Comune di Villa Lagarina, EUROPAREGION-EUREGIO Tirolo Alto Adige Trentino.
 
Seguita da numerosi e importanti critici e curatori tra cui Giorgio Bonomi, Claudio Cerritelli, Ennio Pouchard e Giorgio Verzotti, Annamaria Gelmi e' una delle poche artiste femminili a realizzare sculture di grandi dimensioni, sempre site-specific, dalla linea forte e delicata allo stesso tempo, caratteristiche che si ritrovano anche negli altri linguaggi espressivi utilizzati dall'artista.
 
Annamaria Gelmi portera' negli allestimenti di TRANS LIMITE, mostra che vuole definire il gioco tra i confini e il loro costante superamento, circa dieci opere, tra cui l'imponente scultura inedita LED, in acciaio rosso e led, che muta a seconda dei momenti della giornata, la serie di 18 collage di carta giapponese su cartoncino dal tema Strutture Architettoniche, lavori in metacrilato e sculture in acciaio e bronzo, un affascinante work in progress parzialmente inedito.
ANNAMARIA GELMI Rosso acciaio verniciato+LED cm.500x40x4
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
×
Casa-Studio Giorgio Morandi, Grizzana Morandi, dal 26/06 al 26/09
Luigi Ontani incontra Giorgio Morandi. CasaMondo.
Grizzana Morandi annuncia il secondo appuntamento della rassegna artistica dedicata alla figura del grande pittore Giorgio Morandi, sotto la direzione artistica di Eleonora Frattarolo, con una nuova mostra site specific, che celebra l'incontro con il Maestro Luigi Ontani, suo conterraneo: Luigi Ontani incontra Giorgio Morandi. CasaMondo. Nature extramorte antropomorfane. Realizzata all'interno delle sale dell'abitazione tanto amata dall'artista, la mostra sara' visitabile dal 26 giugno al 26 settembre. L'eclettico e affascinante Luigi Ontani irrompe in ogni camera della Casa-Studio con una magia ceramica, nature extramorte antropomorfane, che paradossalmente restituiscono la tridimensionalita' agli oggetti delle nature morte di Morandi, le quali vengono dirottate su significati differenti dalla continua materializzazione del volto totemico di Ontani, che presiede al loro attraversamento dello spazio e del tempo, nonche' al riconoscimento e alla religiosa conservazione di un sublime raggiungimento dell'opera di Morandi, ossia l'osmosi tra sogno e realta'.
Luigi Ontani incontra Giorgio Morandi Nature extramorte antropomorfane ceramica 2015 ph Luciano Leonotti
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
×
Palazzo Pretorio - Cittadella (PD), dal 06/06 al 30/09
GR|Giovanna Ricotta
Sabato 6 Giugno alle ore 18, Palazzo Pretorio, dopo i restauri durati quasi due anni, torna a volgersi alla ricerca artistica di piu' stretta attualita' con l'inaugurazione dell'affascinante personale GR|Giovanna Ricotta, una delle artiste di maggior rilievo all'interno del panorama della video arte a livello nazionale ed internazionale.
 
La mostra, a cura di Guido Bartorelli e Silvia Grandi, e' realizzata dalla Fondazione Palazzo Pretorio Onlus, con la collaborazione del Comune di Cittadella, patrocinata dal Dipartimento delle Arti dell'Universita' di Bologna e dal Dipartimento dei Beni Culturali dell'Universita' degli Studi Di Padova e con la sponsorizzazione di Metalservice s.p.a. e 3DiTALY Milano.
 

Giovanna Ricotta, Non sei più tu, Interno Testa, ph. Alessandro Rivola
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
×
Sagrato Basilica Santo Stefano, Bologna , dal 05/06 al 05/06
ABC e Fondazione Giovanni Lindo Ferretti presentano...
Il tramonto svela la tela. Uno scatto fotografico per una pala d'altare, evento organizzato da ABC, dalla Fondazione Giovanni Lindo Ferretti SAGA il canto dei monti e dalla Diocesi di Bologna, in collaborazione con la Chiesa di Santo Stefano e la Comunita' di San Giovanni, e con il patrocinio di Assessorato alla Cultura Regione Emilia-Romagna, Genus Bononiae e CNA.
 
Venerdi' 5 giugno, alle 19, Piazza Santo Stefano, una delle piazze piu' suggestive di Bologna, sara' cornice della prima stazione di una via appena iniziata.
 
Come un bardo d'altri tempi Giovanni Lindo Ferretti evochera' la nascita del teatro barbarico montano, principale pilastro della Fondazione, costituita lo scorso dicembre nell'alta valle del Secchia, sull'Appennino tosco emiliano.
 
La tela svelata e' La Caduta, scatto fotografico per una pala d'altare realizzata da Andrea Angione nell'arena equestre della Fondazione, e divenuta manifesto e gonfalone della stessa, raffigurante l'episodio della caduta da cavallo e conversione di Saulo, con Giovanni Lindo nelle vesti di San Paolo.
 
L'oggetto e scopo della Fondazione Giovanni Lindo Ferretti SAGA il canto dei monti e' la rigenerazione culturale di una civilta' del vivere sui monti operando in una quotidianita' che fa del non abbandonare la propria terra, la propria storia, l'indiscutibile priorita'.
Scarica la cartella stampa .zip
Scarica il comunicato stampa .pdf
 
Collegamenti:
www.abcbo.it/abc
www.fondazioneferretti.it
www.andreaangione.com
 
facebook//Abc.bo
facebook//Fondazione Giovanni Lindo Ferretti
 
https://www.youtube.com/watch?v=KawFv-6OVdk
facebook//Andrea Angione Artist  
 
_GLF Logo
 
 
 
 
 
 
×
Ferrara Fiere, dal 06/05 al 09/05
Salone dell'Arte del Restauro e della Conservazione dei Beni Culturali e Ambientali
Torna a Ferarra Fiere, dal 6 al 9 Maggio, la XXII edizione del Salone dell'Arte del Restauro e della Conservazione dei Beni culturali e Ambientali.
logo Restauro 2015
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
×
Galleria PORTANOVA 12, Bologna, dal 28/04 al 23/05
SALVO LIGAMA | 8bit_un mondo a pixel.
Martedi' 28 aprile la galleria PORTANOVA 12 inaugura 8bit_un mondo a pixel, personale dell'artista siciliano Salvo Ligama a cura di Antonio Storelli, con un testo critico di Emanuela Zanon. Nell'originale ricerca artistica di Ligama, i pixel degli schermi che circondano la nostra vita moderna sono come gli atomi di una nuova materia telematica e inconsistente, i pigmenti di una pittura che si sforza di essere contemporanea, un modo per avvicinarsi alle cose e per avvicinarci alla storia.
 
Salvo Ligama Eucarestia 2014 acrilico e resine su cartone 70x100 cm
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
×
ABC, Bologna, dal 21/03 al 15/05
HESTIA. La dimora, cinque artiste e una divinita'
HESTIA. La dimora, cinque artiste e una divinita' e' una collettiva tutta al femminile curata da Maura Pozzati, e fortemente voluta da ABC, da sempre capace di spaziare nei generi piu' distanti con accuratezza e precisione.
 
Cinque artiste si sono date appuntamento in una dimora bolognese recentemente diventata spazio espositivo, per esplorare con linguaggi diversi l'universo della casa: la casa come spazio architettonico, ma anche come dimensione intima in cui si conservano oggetti e ricordi. La casa, la dimora, e' uno spazio circoscritto ma cosi' universale e centrale per lo sviluppo dell'essere fin dall'antichita', da avere una divinita' a sua protezione: HESTIA.
 
Come guidate dallo spirito della divinita', Paola Angelini,Valentina D'Accardi,Marina Gasparini,Sabrina Muzi e Anna Rossi, artiste che si sono distinte nel panorama dell'arte contemporanea attuale, porteranno in mostra ad ABC una suggestiva lettura di questo luogo.
 

Anna Rossi Hestia. La dimora cinque artiste e una divinità, allestimento ph. Andrea Buccella
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
×
Atipografia, Arzignano (VI) Piazza Campo Marzio, 26, dal 21/03 al 23/05
"Fiori Violenti: fototropismo verso la forma" di Mattia Bosco
La programmazione di Atipografia, all'insegna del non visibile, prosegue da sabato 21 marzo con l'inaugurazione della mostra Fiori violenti: fototropismo verso la forma di Mattia Bosco e a cura di Elena Dal Molin.
 
Il materiale principe di questa avvolgente installazione site specific, sara' il legno.
Una foresta di tronchi e fusti, andra' a ricreare all'interno delle antiche sale della tipografia una cattedrale di ossa vegetali, cosi' come le intende l'artista Mattia Bosco, ultimi fiori che si dischiudono con un gesto violento, quello dello spezzare, mostrando tutto il proprio intimo mistero fatto di luce accumulata da queste travi nel corso degli anni.
 
Quattro giovani voci di spicco dell'attuale panorama letterario, insieme a quella del critico Luigi Meneghelli, accompagneranno gli spettatori lungo il percorso espositivo raccontando le opere di Bosco: Benedetta Tobagi, giornalista, scrittrice e membro del CdA Rai, Orazio Labbate, autore di Lo Scuru, candidato al Premio Campiello 2015, Maurizio Torchio, autore del romanzo Cattivi, e Alcide Pierantozzi, autore di Uno in diviso e L'uomo e il suo amore.
 
Protagoniste assolute di questo evento espositivo sono la forma e la materia, indagati da Mattia Bosco nel tentativo di riscontrare una continuita' o un contrasto tra la tangibilita' delle cose e la nostra stessa corporeita'.
attia Bosco, Fiori Violenti, allestimento, ph.Luca Peruzzi
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
×
Teatro Auditorium Manzoni, Bologna , dal 27/02 al 27/02
SetUp Plus al Teatro Auditorium Manzoni con ANIME E VOLTI
Dopo gli oltre 25 eventi, tra mostre, performance, happenings e cene a tema, che hanno animato la settimana dell'arte contemporanea di gennaio, venerdi' 27 febbraio, alle ore 21, SetUp Plus 2015 chiosa al Teatro Auditorium Manzoni di Bologna con ANIME E VOLTI, produzione del Manzoni, realizzata sotto la Direzione Artistica di Giorgio Zagnoni e la regia di Andrea Maioli: un racconto figurativo e musicale che vede protagonisti due grandi nomi dell'Arte e della Musica: Flavio Caroli e Giovanni Sollima.
 

Giovanni Sollima
 
 
 
×
Cineteca di Bologna, Via Riva di Reno 72, dal 06/02 al 06/02
BLUE UNNATURAL - video d'artista di Marco Bolognesi
Dopo Sendai City.Alla fine del futuro (17 gennaio-15 febbraio), multiarticolato percorso espositivo presentato presso la nuova sede, ABC porta le ambientazioni cyberpunk e post moderne di Marco Bolognesi alla Cineteca di Bologna.
 
Venerdi' 6 febbraio verranno proiettati i primi due capitoli di Blue Unnatural, video d'artista interamente realizzato in mock-up.
 
A introdurre quest'ultimo lavoro sara' il regista e giornalista Carlo Lucarelli, con cui l'artista ha stretto da tempo un rapporto di collaborazione.
 
Donne, mutanti, robot e cyborg, personaggi della produzione artistica di Bolognesi, vengono iseriti in questo racconto per immagini il cui vero cuore rimane la citta' di Sendai, con il suo aspetto fantascientifico e cyberpunk che ci porta ad interrogarci su temi come il potere della tecnologia e dell'informazione, la globalizzazione e il passaggio dalla nozione di post-umano a quella di post-mutante.
Still video Teaser Blue Unnatural
 
 
 
×
Bologna, Autostazione, Piazza XX Settembre 6/Via dell'Indipendenza, dal 23/01 al 25/01
SetUp Art Fair 2015
Torna SetUp Art Fair, fiera indipendente dedicata all'arte contemporanea che, dal 23 al 25 gennaio 2015, in occasione dell'art week a Bologna, riaccendera' gli spazi dell'Austostazione, sede ormai tra i simboli dell'avanguardia culturale italiana. Con una superficie ulteriormente ampliata per far fronte al crescente numero di espositori, la terza edizione ha in serbo tante novita', un ricco Programma Culturale, Special Project di richiamo internazionale e molto altro!
 

Riferimento per le nuove tendenze del mercato dell'arte contemporanea, SetUp conserva anche per questa edizione il format che punta sugli artisti emergenti e sui giovani attori del mondo dell'arte, mantenendo il trittico formato da galleria, curatore e artista entrambi under 35 e tiene fede all'identita' di piattaforma e fucina culturale in grado di attivare sinergie strategiche per sviluppare le potenzialita' dei talenti creativi, pur rinnovandosi ancora una volta con nuovi spazi per le gallerie, nuove collaborazioni, tematiche attuali e commistioni culturali.
 
In attesa delle prossime novita', sono questi i primi ingredienti di una terza edizione che promette di cavalcare la fortunata ascesa di una giovane realta' che nel mondo dell'arte contemporanea a Bologna e in Europa ha gia' dimostrato grandi capacita' di dialogo e di interazione, mantenendo a pieno titolo il suo rapido inserimento nel circuito internazionale delle fiere d'arte collaterali.
 
SetUp 2015
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
×
Bologna,Galleria Maurizio Nobile, Via Santo Stefano 19/a, dal 20/01 al 28/02
LUCIANO MINGUZZI disegni e sculture
La Galleria Maurizio Nobile apre l'anno con due importanti appuntamenti che raccontano l'artista Luciano Minguzzi attraverso una grande retrospettiva pensata in occasione dei dieci anni dalla morte. Le opere del Minguzzi, il piu' importante scultore bolognese del Novecento, saranno presentate ad Arte Fiera e, con una piu' ricca selezione di opere, alla Galleria Maurizio Nobile di Bologna
 
Le opere in mostra, quasi cinquanta in totale tra quelle esposte alla Galleria Maurizio Nobile e ad Arte Fiera, provengono da prestigiose collezioni italiane, tra le quali quella degli eredi diretti del Minguzzi; in particolare all'interno di quest'ultima sono conservati alcuni inediti, soprattutto disegni preparatori, e le sculture che l'artista aveva deciso di conservare per se' fino alla morte.
Minguzzi grande contorsionista bronzo 1952
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
×
ABC - Bologna, Via Alessandrini 11, dal 17/01 al 15/02
"SENDAI CITY - To the end of the future" di Marco Bolognesi
ABC apre la nuova stagione culturale 2015 con il secondo capitolo dell'esclusiva internazionale di SENDAI CITY. Alla fine del futuro, ultimo progetto di Marco Bolognesi, allestito per il pubblico dal 17 gennaio al 15 febbraio 2015.
 
La mostra, fortemente voluta da ABC, e' un progetto multi articolato a cura di Valerio Deho', che animera' il calendario dell'art week bolognese con una serie di eventi collaterali che trasporteranno l'universo postmoderno e cyberpunk dell'artista emiliano, da quindici anni attivo tra Londra e l'Italia, in diversi punti nevralgici della citta'.
 
Tra gli appuntamenti collaterali alla mostra spiccano il party People of Sendai City, che nella serata di venerdi' 23 gennaio scaldera' il weekend dell'arte contemporanea con una festa a tema all'insegna del blu, colore dominante, e l'anteprima nazionale, presso la Cineteca di Bologna, venerdi' 6 febbraio, dei primi due capitoli del film Blue Unnatural, introdotta per l'occasione dall'autore, regista e giornalista Carlo Lucarelli.
 
Connecting corridor photocollage pastello ad olio 2014
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
×
ATIPOGRAFIA, Arzignano, Vicenza , dal 17/01 al 14/03
COORDINATE INVISIBILI | Carlo Bernardini
Dopo lo spazio fra gli oggetti descritto da Tunnel City di Andrea Bianconi, la programmazione culturale di Atipografia prosegue questa sua prima stagione all'insegna del non visibile.
 
Ora e' la volta di Carlo Bernardini, che con Coordinate Invisibili, rompe l'unita' volumetrica del grande spazio espositivo con installazioni di sottili fibre ottiche che disegnano geometrie di luce normalmente celate nella sfera del possibile.
 
L'opera di Bernardini e' da sempre centrata sul rapporto spazio/luce: nel 1997 scrive un saggio sulla Divisione dell'Unita' Visiva, in cui affronta la relativita' delle percezioni e sensazioni nei confronti dell'opera.
 
Comincia a lavorare con le fibre ottiche gia' dal 1996 e negli anni ha affinato sempre piu' questo mezzo espressivo che lo ha portato ad interagire con le architetture trasformando gli ambienti da contenitori dell'opera ad opera stessa. Le sue istallazioni sono state presentate in gallerie, musei e spazi pubblici di tutto il mondo: dall'Europa all'America Latina fino agli Stati Uniti e all'Asia.
 
Attualmente e' in mostra alla Biennale Fin del Mundo (Argentina) negli Emirati Arabi e a Londra.
 
La mostra e' introdotta da un testo critico di Luigi Meneghelli, che cosi' prosegue la collaborazione con Atipografia, e da Claudio Cervelli che, come lighting designer si pone come voce di un outsider al sistema dell'arte, proponendo un confronto tra la dimensione tecnica del suo modo di manipolare la luce e l'espressione propriamente artistica di Carlo Bernardini.
Carlo Berbardini neon senza elettrodi bobina tesla Coordinate Invisibili ph.Luca Peruzzi
 
 
 
 
 
 
×
 
Bologna / Imola, dal 01/12 al 31/12
GERMANO SARTELLI,la forma delle cose. Conversazioni regia di Paolo "Fiore" Angelini
ABC Arte Bologna Cultura annuncia l'uscita dell'atteso film sull'artista Germano Sartelli, un progetto complesso e ambizioso, pensato e diretto dal regista Paolo Fiore Angelini e raccontato in prima persona dall'artista, recentemente scomparso, e da un coro di voci autorevoli, le stesse di chi, da sempre, lo ha frequentato: Andrea Emiliani, Maurizio Calvesi, Marisa Vescovo, Claudio Spadoni e Dario Trento.
Il film e' stato realizzato grazie al prezioso sostegno della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, di Unicredit, del Gruppo Hera e dell'associazione Icaro like-us.
Il risultato e' un racconto di vita personale e intimo su uno degli artisti che, dall'immediato dopoguerra ai giorni nostri, si e' sempre distinto nel panorama dell'arte contemporanea per la sua natura eclettica, quanto riservata.
 
Questo progetto fa parte di una serie di film-documentari autoprodotti con i quali ABC si propone di raccontare da vicino e in maniera del tutto nuova la vita di artisti e personaggi illustri della cultura.
Germano Sartelli still, docufilm Germano Sartelli, 2014
 
 
 
 
 
 
 
×
Arzignano,Vicenza, dal 15/11 al 31/12
Nasce ATIPOGRAFIA: nuovo polo per la cultura e l'arte contemporanea.
E' nata ATIPOGRAFIA, nuovo polo culturale dedicato all'arte contemporanea fondato da Andrea Bianconi e Elena Dal Molin, un artista di fama internazionale e una curatrice con all'attivo numerose mostre e collaborazioni con importanti istituzioni in Italia e all'estero. 1.000 metri quadri di spazio in una vecchia tipografia di fine Ottocento, nella piazza del piccolo centro di Arzignano, con la volonta' di fondare un polo per la fruizione e la scoperta dell'arte contemporanea in dialogo continuo con realta' internazionali.
 
La programmazione culturale apre con Tunnel City, la mostra personale di Andrea Bianconi, artista che nel 2013 ha partecipato alla 5a Biennale di Mosca e i cui lavori sono nelle collezioni del MSK di Gent e al MoMA di New York. La mostra sara' visitabile fino all'11 gennaio.
 
ATIPOGRAFIA e' un grande spazio espositivo, ma anche uno studio e una residenza a disposizione degli artisti, una terrazza per concerti di musica d'autore, uno spazio per conferenze e workshop, una web radio attraverso la quale promuovere la vita culturale che si svolge all'interno del centro.
 
logo
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
×
Parigi, Palais de la Borse, dal 13/11 al 16/11
La Galleria Maurizio Nobile a Paris Tableau
La Galleria Maurizio Nobile annuncia con orgoglio che e' stata selezionata tra coloro che parteciperanno alla IV edizione di Paris Tableau, il piu' importante appuntamento europeo dedicato alla pittura antica.
L'invito da parte degli organizzatori del prestigioso evento fieristico a Maurizio Nobile, antiquario bolognese, presente a Parigi con una sede della sua galleria ormai da quattro anni, costituisce un importante riconoscimento del lavoro svolto fino ad ora. L'ammissione a Paris Tableau e' rivolta, infatti, ad un ristretto numero di gallerie antiquarie internazionali.
 
Maurizio Nobile presentera', presso lo stand 11, diciotto prestigiosi capolavori tra i quali una meravigliosa Sacra Famiglia con i Santi Elisabetta e Giovannino di Amico Aspertini ed un inedito, su tavola, di Andrea Donducci, detto il Mastelletta, che raffigura una Maddalena Penitente nel deserto commissionata da Giustiniani e recante ancora la cornice originale.
Aspertini Amico Particolare Sacra Famiglia con i Santi Elisabetta e Giovannino olio su tela 21x61
 
 
 
×
Museo della Tappezzeria, Bologna, dal 26/09 al 28/09
STORIE DI SETA-Le sciarpe di Gaya di Paola Gabrielli
L'evento Storie di Seta, presentato venerdi' 26 settembre alle 18.30 al Museo della Tappezzeria di Bologna e' promosso da ABC - Arte Bologna Cultura, associazione culturale che con questa operazione da il via ad una serie di start up offrendo sostegno e aiuto. Nello stesso momento permettera' al pubblico di riscoprire luoghi meravigliosi di Bologna, in questo caso Villa Spada, visitata soprattutto da turisti stranieri mentre e' poco conosciuta dagli stessi bolognesi. Il prodotto, la linea inedita chiamata Le sciarpe di Gaya nasce da un'idea di Paola Gabrielli in collaborazione con Tomoko Yanagi. Le sciarpe sono stole di pura seta e nascono dall'unione di parti originali di kimono giapponesi.
 
La mostra restera' al Museo della Tappezzeria dal 27 al 28 settembre orario 10-13/16-19.
Trama Gaya
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
×
Casa-Studio Giorgio Morandi, Grizzana Morandi, dal 11/07 al 30/10
GRIZZANA RICORDA MORANDI Omar Galliani e Luciano Leonotti
Per Giorgio Morandi, uno dei piu' significativi protagonisti del XX secolo, Grizzana fu cio' che fu Arles per Van Gogh, e l'Estaque per Cezanne, un luogo che non e' piu' possibile ignorare per chi si occupa di arte moderna. E' nella casa di Grizzana che l'Artista ebbe per la prima volta un vero studio ed e' dal territorio di Grizzana che si desumono tanti dei suoi paesaggi, incisioni, olii su tela, acquerelli.
 
In occasione del cinquantesimo anniversario della scomparsa di Morandi, il progetto di valorizzazione e salvaguardia del territorio attraverso l'arte, fortemente voluto dal Comune di Grizzana Morandi, in collaborazione con l' Unione dei Comuni dell'Appennino Bolognese, e con la direzione artistica di Eleonora Frattarolo e' culminato in GRIZZANA RICORDA MORANDI.
 
Due mostre parallele aprono, l'11 luglio, un programma che proseguira' fino al 30 ottobre. Omar Galliani incontra Giorgio Morandi vedra' l'artista che ha fatto conoscere il grande disegno italiano nei piu' significativi musei del mondo esporre per la prima volta nelle stanze della Casa-Studio: grandi tavole create appositamente per questa occasione, tra cui il visionario e struggente Sui tuoi passi insieme a 12 disegni assolutamente inediti.
 
Casa Morandi e' invece il nome della mostra e del relativo progetto editoriale (con un testo di Renato Barilli) delle fotografie di Luciano Leonotti, che per la prima volta fotografa la dimora nella sua interezza: le stanze rigorose e sobrie, gli oggetti e i mobili quotidiani, l'armonia, la luce, i cassetti dai piccoli segreti.
 
Scarica la cartella stampa .zip
Scarica il comunicato stampa .pdf
 
Video:
www.comune.grizzanamorandi.bo.it
 
www.omargalliani.com
 
www.leonotti.com
 
www.filippoporcelli.it
 
http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-5700e210-1c35-4b63-96f2-97992e176709-tgr.html?refresh_cep=0
 
http://www.arte.rai.it/articol
Ritratto Giorgio Morandi Casa Morandi Grizzana
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
×
PALAZZO DE' MAYO E VILLA FRIGERJ, Chieti, dal 11/07 al 11/01
SECOLI AUGUSTEI Messaggi da Amiternum e dall'Abruzzo antico
Dall'11 luglio a Chieti SECOLI AUGUSTEI. Messaggi da Amiternum e dall'Abruzzo antico, programma di mostre, a cura di Maria Ruggeri, che verra' allestito presso le prestigiose sedi museali di Villa Frigerj, storica sede del Museo Archeologico Nazionale d'Abruzzo e di Palazzo de' Mayo.

Il progetto nasce da una proficua e sinergica collaborazione del Ministero dei Beni e delle Attivita' Culturali e del Turismo, attraverso la Soprintendenza per i Beni Archeologici dell'Abruzzo, e la Fondazione Carichieti che, in collaborazione con la Carichieti SpA e in occasione del bimillenario della morte di Augusto (63 a.C.-14 d.C.), hanno concepito un ricco e suggestivo percorso espositivo che si snodera', in maniera quasi complementare, nelle due sedi museali.

Entrambe le mostre, tramite il linguaggio comune di quelle immagini e simboli, tipiche del potere fondato da Augusto, che hanno inciso il paesaggio abruzzese fino a trapelare nel moderno assetto territoriale, presentano al pubblico un cospicuo numero di opere e reperti che provengono per la quasi totalita', e appositamente per questa occasione, dalla citta' di Amiternum in epoca imperiale.
Particolare Monumento funerario ad esedra da Amiternum
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
×
BAG - Bocconi Art Gallery, Milano , dal 27/05 al 26/05
JORDAN'S RED WATER di GIORGIO BEVIGNANI
Lo scultore Giorgio Bevignani sara' tra i sessanta artisti selezionati per la quarta edizione di BAG-Bocconi Art Gallery, che inaugura martedi' 27 maggio alle 18.00 a Milano, presso la sede di via Roentgen 1.
 
Bevignani, che presso la BAG rimarra' in mostra per un intero anno con l'installazione Jordan's Red Water, e' apprezzato e seguito da critici e studiosi quali il recentemente scomparso Omar Calabrese, insieme a Valerio Deho', Francesca Pietracce, Martelena Arango Cardinal, Isabella Falbo, Niccolo' Moscatelli, Jaime Ceron e Renzo Orsini. L'importante mostra alla Bocconi Art Gallery arriva peraltro poco dopo la nomina dell'artista a membro della Royal British Society of Sculptors.
 
La compagine di opere, tra dipinti, sculture, fotografie e installazioni che animeranno gli spazi del campus della Bocconi, comprende le opere di grandi maestri che vanno da Lucio Fontana a Ettore Spalletti, da Arnaldo Pomodoro a Piero Manzoni, passando per Steven Scott, Gerold Miller e Zhang Huan.
 
Nell'opera di Bevignani, Jordan's Red Water, il simbolo del fiume, il Giordano, e del suo costante scorrere si unisce all'idea di purificazione e memoria in continua rigenerazione. Sono temi che l'artista da sempre ben maneggia: attingendo dalla scienza contemporanea, dalla metafisica e dalla mitologia, affronta l'universale modellando e dando forma a 613 distinti moduli (il numero di semi nel frutto della melagrana) installati e messi insieme a creare un piu' ampio e coesivo lavoro, una particolare costellazione, rigenerazione del particolare.
 
Si tratta di un'opera che ben si inserisce nella scultura atomista per la quale Bevignani si e' spesso contraddistinto. L'artista sembra scomporre in particelle rispondendo ad una spinta insita nell'uomo che in lui diventa vero motore della ricerca artistica: la necessita' di verita'". La pietra, il rosso vivo, il modulo che si ripete come in un mondo atomico sono il suo de rerum natura: la sua poetica ha solide radici nella letteratura e nella filosofia e Bevignani ha compreso come la semplicita' della visione delle cose deve rimanere aggrappata alla solidita' dei colori, della materia pulsante, del fluoro e dello zolfo, e anche del valore cangiante e metamorfico della relazione con la luce.
 

Giorgio Bevignani Jordan's Red Water 2009, 610 modules, terracotta, pigments, nylon, 200x200x150cm allestimento Bocconi Art Gallery
 
 
 
 
 
 
×
TAMO - Tutta l'Avventura del Mosaico,Ravenna, dal 15/05 al 14/05
IL GENIO DELLE ACQUE
Inaugura a Tamo il 16 maggio l esposizione dei pavimenti musivi della dimora di epoca imperiale scoperta durante gli scavi per la realizzazione della stazione ecologica di Piazza Anita Garibaldi. Tutte le fasi di recupero e restauro sono state finanziate da Hera.
 
Si chiamera' Il genio delle acque il nuovo allestimento museale di RavennAntica che dal 16 maggio arricchira' la raccolta di mosaici antichi e moderni del centro TAMO nel Complesso di San Nicolo' a Ravenna.Il titolo prende spunto dal piu' importante reperto che sara' esposto: la raffigurazione di un uomo con barba, simbolo di una divinita' fluviale, portato alla luce durante l ultimo ritrovamento archeologico avvenuto a Ravenna, in Piazza Anita Garibaldi, nell estate 2011, durante la realizzazione da parte della multiutility Hera dell isola ecologica interrata.
 

Genio delle Acque
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
×
CASSERO PER LA SCULTURA - Montevarchi Arezzo , dal 13/04 al 25/05
ALEXANDROS YIORKADJIS. L'ARMONIA E IL CONTRASTO
Il Cassero per la scultura italiana dell'Ottocento e del Novecento, unico museo civico in Italia interamente dedicato alla scultura, ospita dal 13 aprile al 25 maggio 2014, la mostra "Alexandros Yiorkadjis. L'armonia e il contrasto".
Alexandros Yiorkadjis e' il protagonista del secondo di 3 eventi espositivi dedicati a giovani e apprezzati scultori nell'ambito del progetto "Sculpture Relay...al Cassero!", realizzato dal Comune di Montevarchi, Assessorato alla Cultura, curato dal direttore scientifico de "Il Cassero" Alfonso Panzetta e finanziato insieme alla Regione Toscana nell'ambito di "Toscanaincontemporanea 2013".
Il 33 enne Alexandros Yiorkadjis e' un emergente scultore cipriota formatosi all'Accademia di Belle Arti di Bologna, vincitore del Premio Nazionale delle Arti del 2007-2008 per la Sezione Scultura e definito dagli "addetti ai lavori" come uno dei giovani piu' interessanti nel panorama dell'arte attuale. Ha al suo attivo diverse partecipazioni a mostre collettive in Francia, Italia, Grecia ed alcune importanti personali a Monaco di Baviera e a Nicosia.
Alexandros Yiorkadjis part Tra l essere ed essere 2013
 
 
 
 
 
 
×
Ferrara, dal 26/03 al 30/04
Salone dell'Arte del Restauro e della Conservazione dei Beni culturali e Ambientali
Torna a Ferarra Fiere, dal 26 al 29 Marzo, la XXI edizione del Salone dell'Arte del Restauro e della Conservazione dei Beni culturali e Ambientali.
Dopo il dibattito scaturito in seno alla passata edizione circa la ricostruzione post-sisma del maggio 2012, quest'anno Restauro torna a farsi promotore e occasione d'incontro per tutti gli attori coinvolti nelle attivita' di ricostruzione.
Fondamentale e significativa la presenza in fiera della Regione Emilia-Romagna con uno spazio-evento ed un importante convegno nel quale verra' illustrato, alla presenza del Commissario delegato alla ricostruzione Vasco Errani, il Progetto Re-Building, che prevede iniziative integrate a supporto dei Comuni emiliani colpiti dal sisma, un sostegno culturale alla pianificazione degli interventi.
 
Numerosi gli appuntamenti proposti dal MiBACT, che offre una panoramica dei restauri realizzati, o in corso d'opera, su tutto il territorio nazionale, come quello della Cappella della Sindone di Torino, il restauro della Pieta' di Giovanni Bellini, e la presentazione preliminare degli ultimi restauri dei Bronzi di Riace.
 
Dal panorama internazionale arriva l'India, con una mostra sul percorso di lettura critica del tessuto urbano di Jodhpur, ma soprattutto il Brasile, che con una rappresentanza di circa 20 delegati sara' protagonista di una grande mostra e diversi convegni a cura del centro DIAPReM/TekneHub dell'Universita' di Ferrara. Per la tematica Sostenibilita' e Conservazione conosceremo il lavoro di Marcos Acayaba, importante architetto brasiliano, ed i suoi progetti ecologici.
 
Di casa a Restauro il Museo dell'Ermitage di San Pietroburgo che festeggia quest'anno i 250 anni dalla sua fondazione; sullo stand durante le quattro giornate del Salone si terranno workshop sulla tecnica di realizzazione e restauro di commesso in lapislazzulo e malachite, nel corso dei quali verranno presentati i processi di lavorazione della malachite e del lapislazzulo ricostituiti secondo la tecnica storica oggi perduta del mosaico russo.
 
Giunto alla sua IV edizione, torna il Premio Internazionale Domus Restauro e Conservazione Fassa Bortolo. Dopo un difficile quanto interessante dibattito, i membri della commissione hanno deciso all'unanimita' di premiare, vista la grande omogeneita' qualitativa delle migliori proposte nella sezione progetti realizzati, tre contributi come medaglie d'oro ex aequo e due come medaglie d'argento, che verranno ufficialmente assegnate durante Restauro.
RESTAURI ECCELLENTI Opificio delle Pietre Dure Restauro degli Arazzi con Storie di Giuseppeà Palazzo Vecchio a Firenze
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
×
Chieti, Palazzo de' Mayo, dal 22/02 al 25/05
SIRONI E LA GRANDE GUERRA. L'arte e la prima guerra mondiale dai futuristi a Grosz e Dix.
Dopo i successi delle mostre dedicate a Francis Bacon, Aligi Sassu, Emilio Greco e alla grande esposizione sui codici miniati Illuminare l'Abruzzo, la Fondazione Carichieti propone al pubblico gli appuntamenti di una programmazione attenta e di alto livello scientifico. Mentre si avvicina il centenario della prima guerra mondiale (1914-1918), la Fondazione promuove e inaugura Sabato 22 febbraio 2014 una nuova esposizione dal titolo SIRONI E LA GRANDE GUERRA. L'arte e la prima guerra mondiale dai futuristi a Grosz e Dix. Curata da Elena Pontiggia, la mostra, che apre in Italia le riflessioni sul centenario della prima guerra mondiale (1914-1918), comprende oltre cinquanta opere e documenta come gli artisti, da Balla a Carra', da Leger a Grosz e Dix, da Previati a Nomellini, hanno rappresentato la drammatica esperienza del conflitto.
 
Cuore della mostra e' la figura di Sironi, di cui per la prima volta vengono analizzate organicamente la stagione dal 1915 al 1918 e la tematica della guerra, che ricorre nella sua pittura ben oltre quegli anni.
Mario Sironi Vittoria alata 1935 cm 182x250
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
×
Accademia delle Belle Arti di Bologna, Aula Magna, dal 13/02 al 13/02
L'ORA BLU - Un format video sulle culture contemporanee
Presentazione del format L'ORA BLU, prima puntata Le Cose che siamo - liste, cumuli e oggetti del contemporaneo e proiezione della seconda puntata dal titolo Le conseguenze dell'amare.
 
L'Ora Blu e' un format video sulle culture contemporanee, un progetto di qualita', che nasce dalla volonta' di riscoprire e riproporre in chiave attuale il format tv Le Notti dell'Angelo, un programma Mediaset di Gregorio Paolini scritto dagli autori Anton Giulio Onofri, Alessandra Galletta, Maddalena
Bregani
e Marco Senaldi, in onda negli anni '90.
 
Dopo dieci anni, L'Ora Blu raccoglie il testimone de Le Notti dell'Angelo e si propone di raccontare le culture contemporanee attraverso monografie di circa 30 minuti su un tema di attualita' avvalendosi di interviste a personaggi di rilievo che espongono il loro personale punto di vista.
 
Alessandro Bergonzoni Amare
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
×
Bologna Galleria Maurizio Nobile , dal 09/02 al 29/03
FEDELTA'/TRADIMENTO. Racconti d'infedelta' e dedizione. Opere dal XVI al XXI secolo.
Per il terzo anno consecutivo e in occasione dell'arrivo a Bologna de La Ragazza con l'orecchino di perla di Vermeer, la galleria Maurizio Nobile propone una mostra tematica per presentare al pubblico di collezionisti, amatori e professionisti le nuove acquisizioni del 2013-2014: dipinti, sculture e disegni dal XVI al XXI secolo.
 
La lettura iconografica delle opere e' il filo conduttore di un discorso che, spaziando tra la mitologia e le Sacre Scritture, racconta vizi e passioni, talmente connaturati nell'animo umano da rendere ancora universali ed attuali i significati delle opere.

L'ineluttabile forza dell'Amore, che cieco per natura comanda le azioni umane, ci spinge inesorabilmente verso il piacere, impersonato dalla Venere di Gian Giacomo Sementi che nell'abbandono del sonno mostra tutta la sua sensuale carnalita'.

La visione lasciva solletica i desideri e il piacere della conquista insidiando la fedelta' coniugale che molto spesso dietro le spinte della passione soccombe: come narra l'imponente ed inedito dipinto di Battistello Caracciolo dove le mire concupiscenti della moglie di Putifarre vogliono corrompere l'innocente Giuseppe.
 
Per assurdo dall'antichita' in avanti il simbolo di questa umana fragilita' e istintualita' animale sono incarnate proprio da un dio, Giove, le cui numerose scappatelle in tutte le epoche hanno solleticato la fantasia degli artisti. In questo felice filone si inscrivo tra gli altri la grande tela con il Ratto di Europa di Francesco Monti con la collaborazione di Nunzio Ferrajoli, e alcuni straordinari fogli di Gaetano Gandolfi ispirati a questi amori infedeli narrati nelle Metamorfosi di Ovidio.
GALLERIA NOBILE Bartolomeo Mazzuoli L'Amor cieco terracotta patinata h cm 34x15 Siena 1674 1749
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
×
ABC-Bologna, Via Farini 30, dal 08/02 al 28/02
IL MISTERO DELL'ORECCHINO DI PERLA
IL MISTERO DELL'ORECCHINO DI PERLA, promossa ed organizzata da ABC Bologna, con il patrocinio della Regione Emilia Romagna e di Genus Bononiae , in occasione dell'arrivo nel capoluogo emiliano de La Ragazza con l'orecchino di perla di Vermeer, presenta in esclusiva al pubblico italiano un capolavoro di Giuseppe Maria Crespi, detto lo Spagnolo: Ritratto di donna in veste di Cleopatra.
 
La donna e' una cantante, la famosa Coralli, di cui il collezionista inglese committente del Crespi era perdutamente innamorato; ed e' quello di Cleopatra il personaggio da lei interpretato.
 
La scena, cosi' come raccontata nel famoso affresco del Tiepolo in Palazzo Labia a Venezia, allude al gia' celebre episodio che vede la regina d'Egitto sciogliere un orecchino di perla nel vino.
 
La tela, realizzata tra il 1728 e il 1730, rientro' dal mercato inglese in Italia solo negli anni '50 presso la famiglia del collezionista che ad oggi ne e' proprietario.
 
La mostra sara' quindi un'occasione rara per ammirare il misterioso capolavoro.
Giuseppe Maria Crespi Ritratto di donna in veste di Cleopatra 1728 1730 Collezione privata
 
×
Bologna, Autostazione, Via dell'Indipendenza/Piazzale XX Settembre, dal 23/01 al 31/01
SetUp 2014
Si e' conclusa con grande successo di pubblico e di attenzione da parte di collezionisti e stampa la seconda edizione di SetUp, fiera di arte contemporanea indipendente di Bologna. Presso gli spazi dell'Autostazione, quest'anno in versione XL, ha animato l'art week bolognese in orario serale dal 23 al 26 Gennaio 2014. Quattro i Premi d'Arte assegnati ad artisti e curatori presenti alla vivace fiera, tante le collaborazioni con i protagonisti del circuito dell'arte contemporanea e non solo. Mentre tira le somme del successo del suo bis, SetUp guarda gia' al futuro e alle novita' della terza edizione. Arrivederci a SetUp 2015!
Seguite gli aggiornamenti su www.setupcontemporaryart.com oppure su Fb www.facebook.com/setupcontemporaryart
Vincitore miglior artista Premio SetUp 2014 Young e Young Cristiano Tassinari Strange attractors olio su isofoam 100x70 stampa digitale su carta materiali vari installazione 2013
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
×
BOLOGNA, Palazzo Pepoli, ore 20.30, dal 22/01 al 22/01
CHROMOMANIA
ABC in collaborazione con Genus Bononiae e SetUp ArtFair 2014 invitano a CHROMOMANIA, party dedicato a Ryan Mendoza.
La corte di Palazzo Pepoli, il meraviglioso Museo della Storia di Bologna, accogliera' la serata d'anteprima dell'art-week bolognese in omaggio a Ryan Mendoza. L'acclamato artista, Guest Star di SetUp 2014, ha scelto ABC per la sua ultima personale europea prima di tornare negli Stati Uniti dove lo attende la prestigiosa MANA Contemporary, che ospitera' la sua prima mostra d'oltreoceano.
Per questa serata ecco il gioco per chi ama giocare:
ognuno si vesta e diventi un colore, bianco, giallo, arancio, rosso, verde, blu, viola, nero e tutte le loro infinite sfumature . . . il museo una grande scatola che li contiene.
 
cocktail a cura dello chef Mario Ferrara
 
live music
 
entrance eu 35
invito
 
×
Bologna, ABC Via Farini 30, dal 01/01 al 31/01
CHROMOPHOBIA personale di Ryan Mendoza
Aprirà venerdì 29 novembre 2013 CHROMOPHOBIA l’attesa personale dell’artista Ryan Mendoza presso il nuovo spazio espositivo di ABC in Via Farini 30 a Bologna.
 
In occasione della mostra, ideata e promossa dall’ABC con il Patrocinio della Regione Emilia Romagna, di Genus Bononiae e del CNR, Ryan Mendoza presenterà al pubblico circa quindici opere inedite.
 
Artista newyorkese che vive tra Berlino e Napoli è l'inventore dei racconti visivi estremi; è considerato una delle personalità artistiche emergenti del contemporaneo, un autentico caso nel panorama dell’arte di questi ultimi anni.
 
Artista rappresentato in Italia dalla Galleria Massimo Minini di Brescia vanta esposizioni in gallerie e musei di grande prestigio tra i quali la White Cube di Londra. Ryan Mendoza ha collaborato con Irvin Welsh, Milan Kundera e Bernard Henri Lévy suoi primi sostenitori.
Chromophobia 100x80cms oòio su lino 2013
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
×
Bologna, Via Farini 30, dal 01/01 al 25/09
ABC - appuntamenti
Nasce ABC - Arte Bologna Cultura, associazione culturale che occuperà lo spazio di Via Farini 30 a Bologna.
L'associazione nasce come progetto di aggregazione per persone che vogliono condividere un tempo comune e uno spazio, un'idea e una pratica di cultura, arte e socialità. Perché senza arte non c'è cultura e senza cultura non può esserci una vita piena.
 
Un programma culturale internazionale di altissimo livello che presenterà mostre, proiezioni, concerti, incontri e conversazioni letterarie. Sarà uno spazio aperto ad ospiti, artisti, scrittori, pittori, poeti e fotografi italiani e internazionali. ABC si propone di collaborare con tutti coloro che, nei più svariati campi della vita culturale e sociale, operano in difesa della dignità umana, della pace, dell'ambiente e della solidarietà tra gli uomini.
 
ABC nasce quindi dalla collaborazione di diversi esperti in varie settori e gode dei Patrocini della Regione Emilia Romagna,del Genus Bononiae e del CNA.
×
Centro Arte Contemporanea Cavalese, Palazzo Firmian - Cavalese (TN), dal 01/01 al 10/04
ANNA MARIA GELMI - ANNELIESE PICHLER L'Immagine Terrestre
Inaugura Giovedi' 26 Dicembre presso il Centro Arte Contemporanea Cavalese l'esposizione di Annamaria Gelmi e Anneliese Pichler, protagoniste trentine dell'arte contemporanea che chiudono e fanno da corollario alla rassegna "L'immagine terrestre", una ricerca delle "immagini terrestri" che la produzione artistica puo' evocare, declinate dalla sensibilita' di un artista e dal suo particolare linguaggio espressivo.
 
La mostra, a cura di Elio Vanzo, esplora le immagini "del terrestre", quindi del profondo, tramite gli sguardi femminili di due artiste, l'una con il linguaggio della scultura, l'altra con quello della pittura. Un contatto privilegiato il loro, in quanto donne e in quanto artiste, con l'intuitivo e profondo universo tellurico, nel quale l'impronta della presenza umana si fa piu' interiorizzata e rarefatta, connaturata quasi all'uso che le artiste fanno delle materie "terrestri".
A.M. Gelmi, Doppio fiore, acciaio corten., 150x130x220 cm, 2012
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
×
 
Milano, Galleria Restarte, Via Massimiano 25, dal 19/09 al 03/11
LE VISIONI DI MEDUSA personale di Giorgio Bevignani
Giorgio Bevignani con la sua personale LE VISIONI DI MEDUSA realizza un percorso espositivo che va dai grandi quadri del ’96 fino alle recentissime sculture “Al-Gher”.
 
La mostra è un cammino in cui l’artista ci accompagna attraverso l’intimo processo creativo segnato dalle varie tappe del suo lavoro. Un’occasione per riconoscere e comprendere, tra differenti materie, medium, forme, colori, la sua inesausta ricerca artistica
Europa
 
 
 
×
Chieti, Palazzo de' Mayo, dal 29/06 al 29/09
EMILIO GRECO. La vitalità della scultura
La Fondazione Carichieti celebra il centenario della nascita di Emilio Greco (Catania 1913-Roma 1995) presentando nelle sale di Palazzo de’Mayo a Chieti, in collaborazione con gli Archivi Emilio Greco di Roma e con l’Opera del Duomo di Orvieto, una grande mostra di sculture e disegni che documentano quasi quarant’anni di inesausta attività creativa, dal 1947 al 1983. Sarà questo un evento particolarmente rappresentativo nel contesto di una serie di importanti mostre che, sotto l’egida di un prestigioso Comitato per il centenario della nascita di Greco, renderanno omaggio al grande artista anche ad Orvieto (dal 22 giugno, nel Museo a lui dedicato e inserito nel Museo dell’Opera del Duomo), Roma (Museo di Roma in Palazzo Braschi) e Londra (Estorick Collection).
La mostra, curata da Gabriele Simongini e centrata sul tema del corpo nell’opera di Greco, presenterà sedici sculture fra bronzi, terrecotte, gessi e cementi, oltre ad un pregevole gruppo di 25 disegni di soggetto sportivo. Le opere provengono dagli Archivi Greco di Roma, dal Museo Emilio Greco di Orvieto e da collezioni private.
allestimento Marta 1965 gesso archivi Emilio Greco Roma
 
 
 
 
 
 
×
Fano, Pinacoteca San Domenico, dal 15/06 al 29/09
GUIDO RENI, LA CONSEGNA DELLE CHIAVI. Un capolavoro ritorna
Un evento del tutto eccezionale ideato e voluto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Fano: il ritorno temporaneo in Fano per tre mesi (da giugno a settembre 2013) della splendida Consegna delle Chiavi, dipinta da Guido Reni per l’altare maggiore della monumentale chiesa di San Pietro in Valle a Fano, tela asportata in epoca napoleonica e oggi esposta presso il Musée du Louvre di Parigi. A fianco del capolavoro, due distinte versioni della Annunciazione, dipinte da Guido Reni per una chiesa di Fano e per una chiesa di Ascoli Piceno: dipinti che vengono eccezionalmente esposti insieme nella Pinacoteca San Domenico della Fondazione Cassa di Risparmio di Fano.
Dopo la mostra sul Guercino del 2011 e l’esposizione relativa a Simone Cantarini dell’anno scorso, la Fondazione prosegue nella linea di recuperare e riportare all’attenzione del pubblico la storia, il vissuto sociale e culturale che hanno caratterizzato, anche con punte di assoluto rilievo, la città di Fano.
 
Cristo consegna le chiavi a San Pietro di Guido Reni courtesy Musée du Louvre copyright Gérard Blot
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
×
Chieti, Palazzo de' Mayo, dal 10/05 al 13/10
Illuminare l'Abruzzo. Codici miniati tra Medioevo e Rinascimento
Prorogata fino a 13 ottobre 2013 la mostra “ILLUMINARE L’ABRUZZO. CODICI MINIATI TRA MEDIOEVO E RINASCIMENTO” in corso presso il Museo Palazzo de’ Mayo, prestigiosa sede museale della Fondazione Carichieti. L'esposizione è a cura di Gaetano Curzi e Alessandro Tomei dell’Università di Chieti “G. D’Annunzio”, di Francesca Manzari dell’Università di Roma “La Sapienza” e di Francesco Tentarelli, Soprintendente per i Beni Librari dell’Abruzzo.
La mostra, organizzata con il sostegno e la collaborazione della Fondazione Carichieti, è finanziata dalla Regione Abruzzo in convenzione con il Dipartimento di Lettere, Arti e Scienze Sociali dell’Università di Chieti “G. D’Annunzio”, il contributo dell’ADSI – Associazione Dimore Storiche e della Carsa Edizioni
L’esposizione presenterà in esclusiva il patrimonio librario medievale abruzzese in tutte le sue sfaccettature e andrà ad indagare le sottili collaborazioni e i differenti scambi artistici che fanno di questa realtà un patrimonio tutto da scoprire.
Guardiagrele Museo di Santa Maria Maggiore foglio staccato Antifonario Pentecoste
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
×
Bologna, Palazzo D'Accursio - Sala Ercole, dal 13/04 al 30/04
Colori e suoni delle origini
Sabato 13 aprile sarà inaugurata a Bologna presso Palazzo D’Accursio il progetto artistico “Colori e suoni delle origini”, una mostra che vedrà la collaborazione tra Andrea Benetti, artista conosciuto a livello internazionale e autore del Manifesto dell’Arte Neorupestre presentato alla 53. Biennale di Venezia, e Frank Nemola, figura di primo piano nel panorama musicale italiano, nonché polistrumentista di Vasco Rossi.
 
“Colori e suoni delle origini”, curato da Silvia Grandi, è un progetto promosso da Friends of the Johns Hopkins University/Associazione di cultura e di studio italo-americana “Luciano Finelli” e dal “DAR Dipartimento delle Arti Visive Performative Mediali” dell’Università degli Studi di Bologna.
 
“Colori e suoni delle origini” nasce dalla ricerca creativa di Benetti e Nemola, che, attraverso l’unione di due mezzi espressivi quali pittura e musica, riescono a creare un progetto di “arte acustica”.
I due artisti creano un ponte ideale tra le origini dell’uomo e la contemporaneità, tra le forme antiche ed essenziali di espressione e le odierne esemplificazioni dei sistemi digitali di comunicazione di massa utilizzando i due sensi per eccellenza dei due periodi: udito e vista.
 
La mostra si compone di trenta opere di pittura neorupestre di Andrea Benetti e della performance musicale/vocale composta ed eseguita appositamente per le tele dell’artista dal musicista Frank Nemola.
Andrea Benetti Percorsi 2009
 
 
 
×
Villa Contarini, Piazzola sul Brenta (PD), dal 23/03 al 30/06
Virgilio Guidi. Le grandi opere
Dal 23 marzo al 30 giugno, nella splendida cornice di Villa Contarini a Piazzola sul Brenta (PD) sarà in esposizione la mostra “Virgilio Guidi. Le grandi opere”, a cura di Michele Beraldo e Dino Marangon. La mostra intende valorizzare e riproporre le opere di grande formato di uno tra i maggiori maestri italiani del XX° secolo, partendo dalla sua produzione a ridosso della Seconda guerra mondiale fino a giungere alle ultime opere degli anni Ottanta. L’attenzione verrà dunque focalizzata sul cosiddetto “terzo periodo” di Virgilio Guidi, che corrisponde alla sua seconda e definitiva permanenza a Venezia, dal 1944 fino alla morte, avvenuta nel 1984. Saranno esposte circa cinquanta opere provenienti da importanti collezioni private ed enti pubblici. La fama e il talento indiscusso di Virgilio Guidi, fondamentale figura chiave dell’arte, della cultura e della poesia del secolo scorso, sono stati testimoniati e riconosciuti dalla presenza delle sue opere in importanti Musei tra i quali l'Ermitage di San Pietroburgo, i Musei Vaticani, La Galleria Nazionale d'Arte Moderna di Roma, oltre che dalle innumerevoli Biennali di Venezia a cui ha preso parte nel corso del Novecento, e che hanno scandito i vari periodi e momenti della sua produzione artistica, estremamente vivace e prolifica fino alla sua morte.
Apparizione, 1976, olio su tela
 
 
 
×
Ferrara Fiere, dal 20/03 al 23/03
Salone dell'Arte del Restauro e della Conservazione
Giunge alla ventesima edizione il Salone dell’Arte del Restauro e della Conservazione dei Beni Culturali, in programma a Ferrara dal 20 al 23 marzo 2013.
Rinnovato già dalla passata edizione nell’immagine, nei contenuti e nell’approccio metodologico e operativo RESTAURO si prepara a confermarsi l’appuntamento internazionale più importante per gli esperti, i ricercatori e gli studiosi del settore.
L’offerta sarà caratterizzata come sempre da quattro giorni di stimolanti eventi, incontri e dibattiti tesi a creare una piattaforma di dialogo e di aggiornamento sui temi di più grande attualità che ruotano attorno alla conservazione del patrimonio storico-artistico, architettonico e paessagistico, vero fulcro di interesse della manifestazione.
 
Tema principale dell’edizione 2013 saranno infatti le problematiche legate al sisma che il 20 e il 29 maggio 2012 ha duramente colpito molte tra le provincie di Emilia, Lombardia e Veneto.
Attraverso l’illustrazione delle operazioni messe in atto nell’immediato post-terremoto e l’interpretazione delle criticità rilevate dal patrimonio storico si valuteranno le strategie da porre in essere per il restauro.
Una riflessione rigorosa sulla gestione di tali fasi di restauro si renderà necessaria al fine di giungere alla definizione di modelli di intervento a cui ricorrere in fase di restauro e riqualificazione dei centri storici e del patrimonio architettonico.
Restauro inoltre dedicherà ampio spazio ai luoghi della cultura che, una volta recuperati, diventano mete privilegiate di un turismo di eccellenza (non soltanto luoghi d’arte italiani ma anche importanti restauri all’estero) e sinonimo di un nuovo concetto di arte e territorialità.
Castello delle Rocche di Finale Emilia dopo il terremoto
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
×
Venezia, Officina delle Zattere, dal 07/03 al 05/04
"La Bell'ra" di Gianni Moretti, Premio SetUp Under 35
Il 7 marzo, presso gli spazi espositivi dell’Officina delle Zattere di Venezia, inaugura la mostra personale di Gianni Moretti dal titolo “La Bell’ra (studi per un monumento all’attenzione)”.
L'artista ha convinto pienamente il Comitato Scientifico (Antonio Arévalo, Martina Cavallarin, Valerio Dehò, Viviana Siviero, Eugenio Viola) che il 26 gennaio scorso si è riunito all'Autostazione di Bologna per proclamare il vincitore del Premio SetUp Under 35 promosso e organizzato da SetUp Art Fair in collaborazione con Officina delle Zattere, partner della manifestazione fieristica d'arte contemporanea.
Il Premio SetUp Under 35 prevedeva la possibilità per l’artista e il curatore vincitori di collaborare ad un nuovo progetto, una mostra personale dedicata all’artista e allestita presso gli spazi espositivi d’eccezione dell’Officina delle Zattere di Venezia.
 
Gianni Moretti, rappresentato a SetUp dalla Galleria Fabbri C.A. di Milano, espone a Venezia il progetto per la realizzazione di un'installazione, un piccolo monumento, come puntualizza il titolo del lavoro, nato dalla necessità di prendere coscienza di quanto accade ogni giorno in termini di violenza, dall'osservazione della cronaca-cronica del quotidiano deoggettivata della sua drammaticità perché diventata asintomatica nel tessuto sociale. L'auspicio è che si possa realizzare il progetto di Gianni Moretti per non dimenticare, sollecitando l'attenzione e la soglia dell'indifferenza. La mostra è curata da Susanna Sara Mandice che a SetUp ha curato la presentazione di Yael Plat per Spazio Ferramenta e ha ricevuto la menzione ad onore per il testo critico.
La Bell ra di Gianni Moretti
 
×
Bologna Autostazione, Piazzale XX settembre, dal 25/01 al 27/01
SetUp
Nuova fiera d'arte contemporanea indipendente. La prima edizione si svolge nel capoluogo emiliano dal 25 al 27 gennaio 2013. Ideata, organizzata e promossa da Simona Gavioli, Marco Aion Mangani e Alice Zannoni, SetUp inserisce Bologna nel panorama internazionale delle città che da tempo ospitano, accanto alle proprie storiche fiere d’arte, manifestazioni analoghe incentrate sull’arte emergente.Un'iniziativa parallela e in linea con The Others (Torino), Just Mad (Madrid), Liste e Volta (Basilea), Frieze (Londra), Slick (Bruxelles), Pulse (New York) e molte altre. Il comitato scientifico è composto da Antonio Arévalo, Martina Cavallarin, Valerio Dehò, Viviana Siviero e Eugenio Viola.
logo SetUp
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
×
Bologna - Sala Borsa, P.zza del Nettuno 3, dal 25/01 al 25/01
Omaggio a Arrigo Lora Totino
La presente serata rende omaggio a Arrigo Lora Totino (1928) che da un mezzo secolo esatto ha percorso tutte le vie attraverso le quali la poesia è balzata fuori dalla tradizionale prigionia entro la pagina cartacea per inseguire tutte le possibili alternative, facendosi poesia visiva, sonora, gestuale, performativa. Nel dedicarsi a questo grande compito, Lora Totino ha assunto tutti i ruoli, a partire da quello di appassionato studioso delle manifestazioni in cui queste nuove frontiere sono state perlustrate dalle avanguardie storiche, Futurismo, Dadaismo e poi, nel secondo Novecento, Lettrismo, Nouveau Réalisme, Fluxus.
 
L'ingresso è gratuito con invito. Gli inviti possono essere ritirati - massimo due a persona - presso l'URP dell'Università di Bologna (largo Trombetti, 1), mercoledì 23, dalle 9 alle 12,30 e giovedì 24 gennaio, dalle 14,30 alle 16,30.
 
A cura di Renato Barilli, con la collaborazione di Alessandra Borgogelli, Pasquale Fameli, Paolo Granata, Silvia Grandi
arrigo lora totino
 
×
Bologna - Capodilucca, Via Capo di Lucca 12/a, dal 24/01 al 27/01
Un Altro Studio
Un Altro Studio è una nuova realtà bolognese nata da un’idea di Matteo Carboni, Ubaldo Righi e Antonella Di Luca.
 
Un Altro Studio è la volontà di una progettazione condivisa, il nome di un ideale contenitore, all’interno del quale trovano espressione diverse figure professionali legate al mondo del “progetto” nella sua accezione più ampia.
 
Un Altro Studio apre le porte giovedì 24 gennaio alle ore 19.
La sede prescelta è lo spazio di Capodilucca, in Via Capo di Lucca 12/a, già da sette anni promotore di eventi legati all'arte alla grafica e al design.
Gli ambienti ed il suggestivo giardino sul canale, diventeranno un nuovo spazio fisico ed umano dove il progetto incontra se stesso e il suo pubblico, per indagare le relazioni tra l’ideazione, la costruzione di un’idea e la sua fruizione finale, poiché a nostro parere “c’è sempre un altro modo di fare le cose...”.

Un Altro Studio vuole diventare un punto di incontro e di condivisione; uno spazio espositivo, di formazione e di workshop per facilitare lo scambio di competenze e attitudini attraverso eventi, mostre ed incontri.
Bring MrLess&MrsMore
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
×
Bologna-Padiglione L'Esprit Nouveau, P.zza Costituzione 11, dal 24/01 al 10/02
balere di Gian Luca Perrone
Giovedì 24 gennaio 2013 alle ore 15.00 sarà inaugurata presso il Padiglione L’Esprit Nouveau di Bologna la mostra fotografica “balere” di Gian Luca Perrone, con la curatela di Gregorio Maraschini Montanari. L’esposizione è resa possibile anche grazie alla gentile concessione da parte della Regione Emilia Romagna di questa prestigiosa sede espositiva firmata Le Corbusier. “balere” rientra nel programma “Art City White Night” di ArteFiera 2013.
 
Le fotografie ritraggono alcune delle sale da ballo di liscio ancora attive tra Emilia Romagna, Veneto, Liguria e Toscana. L'intento del progetto è documentare gli ambienti che hanno accolto questo caratteristico costume. Gli scatti ci consentono di dare uno sguardo alle sale, adorne di colori vivaci e accostamenti fantasiosi, nei pochi istanti prima dell’apertura al pubblico, tutte in ordine, ben pulite e scintillanti, pronte ad accogliere un'umanità desiderosa e fiduciosa di vivere una serata speciale.
 
007 Dancing Rimini vista frontale
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
×
 
Chieti Palazzo de' Mayo, dal 30/11 al 20/01
Vasco Bendini/Matteo Montani. Così lontani, così vicini.
A partire dal 30 novembre 2012 fino al 20 gennaio 2013 il S.E.T., lo Spazio Esposizioni Temporanee di Palazzo de’ Mayo a Chieti, nuova sede espositiva della Fondazione Carichieti, ospiterà una mostra dal titolo “Vasco Bendini/Matteo Montani. Così lontani, così vicini”, dedicata a due artisti e alle loro due differenti esperienze a confronto. Il titolo di questa duplice mostra, curata da Gabriele Simongini, è esemplificativo di un vero e proprio dialogo che si instaura tra la pittura di matrice informale di Vasco Bendini e quella dell’artista contemporaneo Matteo Montani, pittori profondamente affini quanto cronologicamente lontani.
Allestimento con i due artisti
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
×
Bologna, Cineteca, dal 17/10 al 21/12
IL CORPO di Elysia Athanatos e Alexandros Yiorkadjis-HUMAN RIGHTS NIGHTS
La mostra di arte contemporanea “Il Corpo” presenta le opere e installazioni di Elysia Athanatos e Alexandros Yiorkadjis, giovani artisti ciprioti che vivono e lavorano a Bologna.
 
Curata da Martina Agostini e realizzata nell’ambito del festival Human Rights Nights, alla sua 12° edizione per la sezione Arte, è promossa da Fondazione Cineteca di Bologna, Comune di Bologna e Alma Mater Studiorum – Università di Bologna.
 
L’espressione del corpo diventa linguaggio universale puro, maturato sull’esistenza e sul sentimento. L’esplosione e l’implosione caratterizzano entrambi i percorsi di ricerca dei due artisti
alexandros yiorkadjis
 
 
 
 
 
 
×
MAR - Museo d'Arte della Città di Ravenna, dal 23/09 al 04/11
Marco De Luca. Opere
Dal 23 settembre al 4 novembre 2012 il Mar ospiterà la mostra antologica Marco De Luca, curata da Claudio Spadoni. In esposizione circa trentaquattro opere, considerate le più significative degli ultimi trent’anni di produzione dell’artista e tutte fortemente rappresentative del suo approccio innovativo, e al tempo stesso antico, alla tecnica del mosaico.
 
Marco De Luca si riappropria del mosaico dopo l’esperienza pittorica dei primi anni Settanta, un’esperienza con ottimi risultati, ma che aveva esaurito le proprie potenzialità espressive inducendo l’artista a cercare un nuovo linguaggio, uno strumento diverso per recuperare la propria creatività e la propria dimensione del tempo.
In mostra, una selezione di trentaquattro opere, ripercorre l’evolversi della sua poetica a partire dagli anni ’80 fino ad oggi.
Il catalogo, con i contributi di Claudio Spadoni, Fulvio Dell’Agnese e Sabina Ghinassi, sarà edito dalla casa Editrice Umberto Allemandi.
Marco De Luca Gea 2004
 
 
 
 
 
 
×
Pordenone - PArCo, dal 16/09 al 30/12
Nane Zavagno-la natura e le forme. Disegno pittura scultura mosaico
Annunciamo la grande mostra antologica dell' artista Nane Zavagno che si terrà il 16 settembre alla Galleria d’arte moderna e contemporanea “Armando Pizzinato”, polo museale di PArCo, acronimo di Pordenone Arte Contemporanea. Due espansioni della mostra, la prima alla Galleria Sagittaria del Centro Iniziative Culturali Pordenone e l'altra a Palazzo Cossetti, sede centrale della Banca Popolare FriulAdria-Crédit Agricole, a testimonianza della profonda e continua ricerca dell' artista Nane Zavagno impegnato da sempre nello studio di ogni espressione figurativa. La mostra, promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Pordenone in collaborazione con il Centro Iniziative Culturali di Pordenone e la Banca Popolare FriulAdria-Crédit Agricole, avrà carattere antologico, partirà da opere risalenti ai primi anni cinquanta, testimoniando via via la ricca produzione dell’artista, fino alla presentazione dei nuovi lavori grafici che si dimostrano il fiume sotterraneo che muove la creatività di Nane Zavagno
Allestimento mostra Nane Zavagno a PArCo
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
×
Chieti, Palazzo de' Mayo, dal 25/07 al 07/10
Sassu e Corrente 1930 - 1943. La rivoluzione del colore
Mercoledì 25 luglio 2012 sarà inaugurata, presso il S.E.T. Spazio Esposizioni Temporanee di Palazzo de’ Mayo, nuova e prestigiosa sede della Fondazione Carichieti, la mostra “Sassu e Corrente 1930-1943. La rivoluzione del colore” a cura di Elena Pontiggia ed Alfredo Paglione e promossa dalla Fondazione Carichieti.
 
L’esposizione ripercorre la stagione fondamentale di Aligi Sassu, nel centenario della nascita, e documenta organicamente, per la prima volta in Abruzzo e nell’Italia centrale, il movimento di Corrente.
 
Il percorso della mostra, che comprende oltre 50 opere, muove dalla figura di Sassu (Milano 1912- Maiorca 2000), di cui raccoglie un significativo nucleo di dipinti degli anni trenta e quaranta, per poi spaziare verso gli altri illustri esponenti del movimento, fra cui Birolli, Guttuso, Manzù, Broggini, Migneco, Valenti e Morlotti.
Renato Birolli I poeti 1935
 
 
 
 
×
Bologna, Chiostro di Santa Cristina, dal 11/07 al 11/07
Videoart Yearbook 2012, VII edizione
Ritorna l’appuntamento estivo con la videoarte: settima edizione della kermesse bolognese
L’11 luglio in Santa Cristina il meglio della videoarte, ospiti speciali e un omaggio a Diego Zuelli
 
Fedele a una tradizione ormai consolidata, anche quest’anno il Dipartimento delle Arti Visive e la Scuola di Specializzazione in Beni Storici Artistici, che ne è parte integrante, celebrano il culmine dell’estate con un evento culturale e festoso nello stesso tempo, presentando un ricchissimo programma fondato sulla videoarte.
anita cala abc no music
 
 
 
 
×
Bologna, ONO arte, dal 24/05 al 12/07
MADE IN THE UK- Lo stile di strada dal Punk alla Thatcher
Giovedì 24 maggio alle ore 18 sarà inaugurata, in Via Santa Margherita 10 a Bologna, la mostra “Made in the UK: lo stile di strada dal Punk alla Thatcher”, grande monografica di Janette Beckman.
 
Gli anni che vanno dalla fine dei ’70 a metà 80’ furono per la cultura anglosassone duri e bui, ma al tempo stesso si dimostrarono pieni di creatività; nacquero in questo periodo, momento di maggiore affermazione della cultura giovanile, molti degli stili che ancora oggi influenzano la cultura popolare.
La mostra presenta quindi, negli scatti di Janette Beckman, i diversi movimenti non tramite i loro protagonisti, ma attraverso la gente comune.
 
Punk, Mod, Skinhead, 2 Tone, e Rockabilly vengono documentati dalla Beckman che comincia la sua carriera di fotografa per la famosa rivista musicale Melody Maker; il lavoro al settimanale le consente un rapporto diretto con i più importanti artisti della scena dell’epoca tra cui i Clash, i Sex Pistols, i Jam, gli Undertones, gli Specials, i Ramones o Echo and the Bunnymen.
 
Oltre ai vari gruppi però, la Beckman immortala quella generazione radicale che considerava ogni singolo punk, mod, skin e teddy boy importante tanto quanto le band alle quali facevano riferimento.
I protagonisti della mostra sono quindi ragazzi di strada, giovani che non solo curavano il proprio stile ma, indipendentemente da quale fosse, ne creavano uno proprio. Questa generazione, figlia della “working class”, fu forse la prima ad avere una reale coscienza di sé.
 
Janette Beckman Cockney rejects 2
 
 
 
 
 
 
 
×
Bologna, Galleria B4, dal 21/04 al 09/06
DARK ISLAND di Guy Lydster
Sabato 21 aprile 2012 sarà inaugurata alla Galleria B4 di Bologna, fondata da Giorgio Celli e Lodovico Pignatti Morano, la mostra “Dark Island”, grande personale dello scultore neozelandese Guy Lydster. Dopo il successo ottenuto in occasione di Arte Fiera OFF 2012, che l’ha visto protagonista di importanti spazi espositivi come lo Spazio Fabrizio Cocchi, la splendida cornice di Villa Hercolani, dimora cinquecentesca appena fuori le mura medievali di Bologna e la Galleria Art to Design, tappe che l’hanno reso ancor più noto a livello nazionale, Lydster rinnova l’unicità intrinseca e figurativa della sua opera con gli Headscapes inediti di Dark Island.
 
Dark Island, evoluzione naturale del lavoro dell’artista e delle sue continue sperimentazioni, si compone di una ventina di Headscapes - unione di Head e Landscapes (teste-paesaggi) - che evocano un viaggio metaforico verso la riscoperta di quel terreno oscuro chiamato infanzia.
 
La mostra, a cura di Lodovico Pignatti Morano, si articola negli spazi della galleria che scandiscono i tre momenti del viaggio verso: la ricerca di un luogo, l’approdo alla meta e la separazione. L’esposizione è da considerarsi percorso completo nell’opera di Lydster; sono rappresentati tutti i momenti di produzione dell’opera, dalla fase iniziale più espressionista e abbozzata, che grazie all’uso della creta cruda giunge ad effetti sorprendenti, attraverso quella più dura e ricca di dettagli, fino alla fase ultima, in cui primeggia la linea compiuta del bassorilievo. Compare per la prima volta la colorazione, realizzata con pigmenti rossi, gialli e verdi, che mescolati alla creta ancora cruda stimolano in maniera sorprendente l’espressività.
Headscape
 
 
 
 
 
 
 
×
Bologna, ONO arte, dal 19/04 al 24/05
QUADROPHENIA: a MODern world. La musica e lo stile dagli Who ai Jam
Il titolo della mostra si riferisce al celebre album degli Who, uscito nel 1973, al film omonimo diretto da Franc Roddam e alla scena MOD che nasce negli anni 50 e torna alla ribalta nel 1979, anno di uscita del film. Roger Daltrey, degli Who, sottolinea come Quadrophenia non abbia avuto nulla a che fare con il ritorno, a quasi 15 anni di distanza, dei Mods.
Ma certo che, anche grazie al film, i Mods, mai scomparsi, tornano alla ribalta negli stessi anni in cui la scena Punk era al suo apice.
 
Mod non è una vera e propria moda ma un’attitudine e sfugge ad ogni etichetta e periodizzazione, cominciando dal significato della parola stessa, Mod, che sta per “Modernist”, termine ancora più indefinibile.
Quello che è certo è che Mod è uno stile unico ed elitario fatto di codici ricercati che dal cuore dell’Inghilterra proletaria raggiunse anche l’Italia.
 
La mostra dunque si articola in due sezioni. La prima presenta gli scatti inediti di Adrian Boot fotografo di scena di Quadrophenia che, oltre ai vari attori del film, tra cui un giovane Sting, immortala gli stessi Who, produttori del film sul set di Brighton.
La seconda presenta i Mods in contrapposizione ai rivali di sempre i Rockers: abiti in pelle e passione per il rock‘n’roll primordiale.
Adrian Boot Jimmy and Steph 1979
 
 
 
 
×
Milano, Fuorisalone, Via Savona 37, dal 17/04 al 22/04
Ortofabbrica di Angelo Grassi
Ritorna, nell’ambito del Fuorisalone 2012, ORTOFABBRICA, ideato e realizzato da Angelo Grassi, evento unico che si caratterizza come momento imperdibile nella settimana internazionale del design.
Il progetto iniziato nel 2009, torna per la sua quarta edizione nel cortile di Via Savona 37, lo spazio ideale per le suggestioni creative di Grassi. Come di consueto, ma attraverso splendide e innovative progettazioni, ORTOFABBRICA presenta il pensiero contemporaneo applicato a soluzioni e metodologie che esprimono al meglio la tradizione creativa ed artigiana.
 
I temi portanti dell’edizione 2012, quelli che trasformeranno un parcheggio nel centro di Milano in polmone verde, orto creativo e magazzino d’idee, saranno l’acqua, l’energia rinnovabile e il recupero di un’economia delle origini.
ortovaso
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
×
Teramo, dal 01/04 al 31/01
Capolavori della maiolica castellana tra ‘500 e terzo fuoco: la collezione Matricardi
Presso la Pinacoteca di Teramo ospiterà fino al 31 gennaio 2013 l'esposizione “Capolavori della maiolica castellana tra ‘500 al terzo fuoco. La collezione Matricardi”. In questa prestigiosa mostra, promossa dalla Città di Teramo e dalla Fondazione Tercas e con il patrocinio del Ministero per i Beni e le attività Culturali, saranno esposte per la prima volta duecentoventi capolavori della produzione castellana, dal 1500 al 1700, “recuperati” grazie allo spirito di un collezionista di grande sensibilità che, in anni di paziente e minuzioso lavoro di ricerca, é riuscito a mettere insieme un patrimonio artistico dall’enorme valenza storica e scientifica.
Albarello con guerriero, maiolica policroma
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
×
Bologna, ONO arte , dal 16/02 al 12/04
1969-L'anno in cui tutto è cambiato
Giovedì 16 febbraio 2012 alle ore 18.00 sarà inaugurata a Bologna la mostra “1969: l’anno in cui tutto è cambiato”, ideata, realizzata e promossa da ONO Arte Contemporanea con il patrocinio del Comune di Bologna e la collaborazione della Fondazione Cineteca di Bologna.
 
La mostra, una raccolta di ottanta rare fotografie d’autore, è lente di ingrandimento su quell’anno in cui tutto cambiò, il 1969; un momento decisivo, che segnò il passaggio tra due decenni particolari, rappresentati dagli anni 50 e 60, sinonimi di boom economico, rock’n’roll, amore libero, droghe, antimilitarismo, lotta per i diritti civili e indipendenza, e gli incombenti anni di piombo, il rovesciamento in negativo di benessere e spensieratezza.
Fu’ un anno storico, sia per l’Europa che per l’America, un anno in cui si videro realizzati i sogni del decennio precedente, ma allo stesso tempo il momento in cui si avvertì lo sgretolarsi delle certezze che erano maturate poco prima.
Bill Owens Altamont 1969
 
 
 
 
 
 
×
Bologna, Sala Borsa, dal 27/01 al 27/01
Incontro con Luigi Ontani
Venerdì 27 Gennaio alle ore 21.00 l’Alma Mater Studiorum dell’Università di Bologna, il Dipartimento delle Arti Visive e UniboCultura, con la collaborazione del Comune di Bologna, la Biblioteca di Sala Borsa e Arte Fiera Art First 2012, presentano la seconda edizione dell’omaggio dedicato ad artisti di fama internazionale invitati a Bologna in occasione di Arte Fiera.
Dopo “Lady Performance” Marina Abramovic nel 2011, l’omaggio di quest’anno è rivolto a Luigi Ontani, protagonista indiscusso nel panorama artistico internazionale. L’evento è a cura di Renato Barilli con la collaborazione di Alessandra Borgogelli, Paolo Granata e Silvia Grandi.
L’omaggio alla carriera di Luigi Ontani avverrà attraverso immagini e video delle sue storiche performances realizzate negli anni Settanta, fino alle sue più recenti produzioni
Luigi Ontani Angelo custode a pedale
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
×
 
Bologna, ONO arte, dal 15/12 al 03/02
Andy Warhol and the Velvet Underground
Giovedì 15 dicembre 2011 alle ore 18.00 verrà inaugurata a Bologna la mostra “All Tomorrow’s Parties - Andy Warhol, la Factory e i Velvet Underground” ideata, realizzata e promossa da ONO Arte Contemporanea con il patrocinio, non oneroso, dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Bologna.
Molte sono state le mostre su Andy Warhol e sul suo lavoro ma poche si sono incentrate su di lui; è per questo che la mostra bolognese racconterà per la prima volta in maniera intima e quotidiana il personaggio e l’uomo, non l’artista. Verrà descritto attraverso più di 85 scatti a opera di fotografi di fama internazionale come per esempio David McCabe.
Le opere, documentano la vita personale di Andy Warhol, ma anche il suo rapporto di amicizia con i Velvet Underground, un sodalizio intellettuale e creativo breve, ma intenso, che va dal 1965 al 1970 anno in cui Lou Reed lascia il gruppo. Un viaggio elettrizzante nella storia dell’arte e del rock, studiato appositamente per un pubblico preparato e non.
David McCabe copyright Andy Warhol and Chevy Sign 1964
 
 
 
 
 
 
×
Bologna, INDIE STORE "barsport donna", dal 03/12 al 31/01
La donna indipendente di Giovanni Urso
Sabato 3 dicembre alle ore 19,30 s’inaugura presso i locali dell’ INDIE STORE "barsport donna" in via riva Reno 100/d a Bologna la mostra fotografica di Giovanni Oscar Urso “La donna indipendente”. Durante il vernissage, alle ore 20.30, si terrà la performance di Sciandra "MAcheRITO INUTILE – atto composito – 1ª parte".
 
Un negozio di abbigliamento non vuole certo essere sostitutivo di una galleria ma neanche semplicemente uno spazio espositivo originale dove si vuole proporre l’arte. Lo spazio e le opere esposte hanno un dichiarato intento comune rivolto al mondo femminile. Un dialogo tra arte e bisogni della normalità, tra l’intimità di una scelta e il piacere di un acquisto. Uno spazio in cui possono coincidere desideri e condividere i pensieri. Il progetto di portare una mostra d’arte contemporanea in un negozio ha come intento quello di avvicinare l’arte alla realtà della consuetudine sollecitando gli avventori a riconoscere le emozioni nel quotidiano.
Erika
 
 
 
 
×
Bologna, ONO arte, dal 27/10 al 04/12
Punk, l'ultima rivoluzione
Giovedì 27 Ottobre 2011 alle ore 18 verrà inaugurata a Bologna la mostra “Punk, l’Ultima Rivoluzione” ideata, realizzata e promossa da ONO Arte Contemporanea.
La mostra bolognese presenterà un centinaio di opere, tra cui lavori di noti fotografi che espongono tutt’oggi nei musei di tutto il mondo, grafica, poster ed editoria d’epoca e contemporanea. Un percorso espositivo studiato appositamente per un pubblico preparato e non, che guiderà il visitatore facendogli rivivere il contesto storico.
 
I protagonisti dell’esposizione sono quattro: un negozio in 430 King’s Road, Margaret Thatcher, il Giubileo datato 1977 della Regina Elisabetta e i Sex Pistols. Essi illustrano non solo la scena musicale Punk ma anche tutta la rivoluzione socio-culturale nata da ed intorno ad essa in soli tre anni, dal '77 al '80. Saranno infatti i protagonisti dell’epoca il fulcro centrale della mostra, il vero tema portante, condividendo con noi i loro racconti e le loro testimonianze.
Bill Owens Altamont 1969
 
 
 
 
 
 
 
 
 
×
Castel San Pietro Terme, studio dell'artista , dal 09/10 al 09/10
EUROPA di Giorgio Bevignani
In uno spazio buio, dalle pareti nere, con soffitto e pavimento nero lucido, leggermente riflettente, una moltitudine di moduli sospesi formano una spirale orizzontale il cui fuoco occupa tutta la sua lunghezza.
Il movimento dell’onda simboleggia il continuo alternarsi del progresso e regresso nella cultura europea contemporanea, così come è stato anche nel passato, provenendo da Oriente verso Occidente, passando dallo sciamanesimo al mito, dal mito alle religioni, alla filosofia, alla nascita della tecnica e al suo diffondersi su tutto il pianeta; un’onda che ora guida il sentiero oscuro dell’umanità senza posa.
Nel mito si racconta che il continente prende il nome da Europa, principessa che avvicinatasi a un toro mansueto, comincia a decorarne con un nastro rosso le corna, per poi venire da esso rapita, quando svelerà la sua vera natura: si trattava infatti di Zeus, che con questo stratagemma la porta a Creta.
Il rosso nelle sue tonalità simboleggia il fuoco e la forza che anima il divenire.
I moduli sono di forme differenti come lo sono gli individui, e sono di colore rosso in tutte le sue tonalità.
L’installazione è visibile con una proiezione video tenue e lampada ultravioletta.
europa giorgio bevignani
 
 
 
×
Bologna, Via Torleone 5, dal 08/10 al 08/10
Libreria Rivivere
Sabato 8 Ottobre 2011, alle ore 18, verrà inaugurata in Via Torleone 5 a Bologna la Libreria Rivivere, sede culturale dell’Associazione Rivivere, istituzione senza scopo di lucro, fondata e diretta dal 1997 dal Prof. Francesco Campione e coordinata dalla Dott.ssa Francesca Bonarelli .
L’Associazione Rivivere che assiste gratuitamente (grazie al generoso sostegno della Fondazione Isabella Seragnoli) tante persone e tante famiglie in lutto nella nostra città, si propone, in collaborazione con l’Istituto di Tanatologia, di realizzare più facilmente con la Libreria Rivivere i suoi scopi associativi e culturali. Per questa ragione Francesca Bonarelli ha ideato un “luogo” che non è un semplice “negozio di libri”, ma un luogo aperto ed informale dove poter sostare, senza fretta e senza timore, trovando aiuto umano e strumenti culturali per elaborare i propri disagi esistenziali.
×
Spazio Italia, Aeroporto di Monaco, dal 03/05 al 06/05
Dolomiti New York - Annamaria Gelmi, Luisella Savorelli Gorza
Nel 2010 l’Unesco riconosce ufficialmente le Dolomiti come Patrimonio dell’Umanità e nello stesso anno, grazie ad un’ idea geniale dell’artista Annamaria Gelmi e la fotografa Luisella Savorelli Gorza, viene pubblicato il prezioso volume Dolomiti-NewYork, edito con il riconoscimento e il patrocinio della Fondazione Dolomiti UNESCO e delle varie Province autonome del Trentino –Alto Adige, Friuli-Venezia Giulia e Veneto oltre al contributo di Air Dolomiti.
 

Dal 3 al 16 maggio Air Dolomiti ospita a Spazio Italia, al Terminal 2 dell’aeroporto di Monaco, alcuni tra i più suggestivi scatti della pubblicazione “Dolomiti-New York”.
dolomitiNY gruppocatinaccio NewYork luisella savorelli gorza
 
 
 
 
 
 
×
Milano, FuoriSalone, Via Savona 52, dal 12/04 al 17/04
Ortofabbrica di Angelo Grassi
Ortofabbrica si ripresenta per la terza volta al Fuorisalone di Milano. Il riconoscimento da parte degli addetti ai lavori, dal pubblico e soprattutto dai media hanno permesso di trasformare questo evento in un momento atteso. Grazie allo stile, all’originalità e alla raffinata presentazione, questo progetto, ideato, realizzato e promosso da Angelo Grassi, si distingue e si caratterizza nell’ambito della settimana internazionale dedicata al design.
 
La location si sposta, pur rimanendo nel circuito Tortona Locations, in Via Savona 52: gli oltre 800 mq di spazio esterno e interno, saranno trasformati per ospitare Ortofabbrica, la manifestazione che si dedica con qualità al fare creativo. Design, artigianato, architettura, arte e moda collaborano ad un modello condiviso di eco-sostenibilità, recupero e stile.
angelo grassi
 
 
 
 
 
 
×
Bologna, Aula Magna di Santa Lucia, dal 28/01 al 28/01
Incontro con Marina Abramovic “Lady Performance"
Venerdì 28 gennaio 2011 alle ore 21 presso l’Aula Magna di Santa Lucia a Bologna, la “regina della performance”, Marina Abramovic, commenterà di persona e per la prima volta al pubblico italiano il suo ultimo lavoro, Seven Easy Pieces con la moderazione del critico d’arte Renato Barilli. In quest’occasione l’artista sarà pronta a sottolineare i vari aspetti teorici e pratici dello spettacolo e a sostenere un dialogo ravvicinato con i presenti.
Questo straordinario evento è promosso dall’Università di Bologna nell’ambito di Artefiera2011 ed è curato da Renato Barilli.
Marina Abramovic ritratto
 
 
 
 
 
×
 
Fabbrica, Gambettola (FC), dal 01/10 al 03/10
ORTOFABBRICA - Contest di creatività sostenibile
La Regione E.R è protagonista della prima edizione di Ortofabbrica, primo contest di Creatività Sostenibile ideato da Angelo Grassi in collaborazione con Romagna Creative District e CNA Forlì-Cesena, che si terrà a Gambettola (FC), presso Fabbrica dal 1° al 3 Ottobre 2010.

Si tratta di un’iniziativa unica nel suo genere che, per la prima volta in Italia, riunisce e mette in relazione i talenti creativi - designer, artisti, stilisti, architetti - e il mondo istituzionale - docenti, dirigenti pubblici, imprenditori, categorie professionali - attraverso la condivisione dei valori di ecosostenibilità, qualità, innovazione e recupero.
sala filtri
 
 
 
 
×
Castello di Rivara, Centro d'Arte Contemporanea - Rivara (TO), dal 12/06 al 25/07
INARCHITETTURA di Annamaria Gelmi
INARCHITETTURA è la personale di Annamaria Gelmi che sarà inaugurata al Castello di Rivara - Centro d’Arte Contemporanea - il prossimo 12 giugno 2010. La curatela della mostra è di Franz Paludetto - direttore artistico del centro - mentre il catalogo è a cura di Paola Vettorazzi, con testi di Giorgio Verzotti e Paola Vettorazzi.
 
Ancora una volta questa artista di inesauribile vena creativa è capace di mettersi in gioco in un nuovo progetto espositivo, dimostrando che è sempre possibile per chi fa questo mestiere con solida professionalità evolvere, cambiare, innovare se stessi.
La capacità di reinventarsi non prescinde tuttavia da un solido legame con la propria storia personale, come il titolo stesso suggerisce. L’architettura è infatti la disciplina che più di ogni altra ha ispirato Annamaria Gelmi nel suo brillante percorso. Il suo lavoro pur, rigidamente geometrico, astratto- concettuale è allo stesso tempo fragile nella poetica, allusivo, capace di svelare un “oltre” denso di significato e sfumature, profondamente femminile.
 
La varietà dei mezzi espressivi, delle soluzioni formali e dei temi proposti in questo ambizioso progetto sottolineano la ricchezza creativa di Annamaria Gelmi, le sue complesse sfumature e le molteplici correnti intellettuali e artistiche a cui si ispira. Il tutto contribuisce a delineare il suo modo di vivere la dimensione d’artista, suggerendo l’idea dell’arte come spazio concettuale di libera espressione
high mountains
 
 
 
 
×
Bologna-Massa, duplice mostra, dal 17/04 al 31/05
HOPE.TENDERNESS.RESISTANCE di Eleonora Rossi
“Hope. Tenderness, Resistance” è il titolo che unisce le due mostre di Eleonora Rossi, che si terranno dal 17 aprile al 14 maggio presso la galleria Contemporary Concept di Bologna e dal 1° al 31 maggio presso la Sala degli Specchi del Palazzo Ducale di Massa. Questa seconda mostra è realizzata con il patrocinio della Regione Toscana, in collaborazione con la Provincia di Massa-Carrara, il Comune di Massa, il Comune di Carrara, la Camera di Commercio di Massa Carrara, la Comunità Montana della Lunigiana, con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Carrara.
 
Il progetto espositivo a Bologna è a cura di: Francesca Baboni e Stefano Taddei mentre a quello di Massa si aggiunge Valerio Dehò - autore del testo critico sul video inserito in catalogo. La mostra è una produzione TIMECODE con il coordinamento organizzativo ed editoriale di Alessandro Romanini per ARTLAB.
eleonora rossi copertina catalogo
 
 
 
 
×
Milano, FuoriSalone - varie sedi , dal 14/04 al 19/04
KILOHERTZ - music inside
Il futuro della musica è nel corpo e Kilohertz (KhZ) inaugura una nuova filosofia sonora per cui il design diventa parte integrante dell'esperienza di ascolto. Gli oggetti e le installazioni KhZ sono vettori vibrazionali su cui sedersi, sdraiarsi o appoggiarsi per creare nel proprio corpo uno spazio dove il suono si contrae e si espande in miriadi di forme diverse.
 
Durante il Fuori Salone del Mobile, KhZ è presente in numerosi luoghi di Milano con la sua avanguardia nel quale corpo e mobile d'arredo entrano in simbiosi attraverso la musica. Installazioni, workshop, concerti e isole sonore sparpagliate in giro per la città dove rilassarsi e farsi massaggiare da sound designer e body-dj.
kilohertz
 
 
 
×
Milano, Via Savona 37, dal 14/04 al 19/04
ORTOFABBRICA di Angelo Grassi
Dal 14 al 19 Aprile, nell’ambito di ZonaTortona Design 2010, si terrà, presso il cortile in via Savona 37, ORTOFABBRICA, progetto ideato, realizzato e promosso da Angelo Grassi in Media Partnership con PAYSAGE Editore Architettura del Paesaggio.
 
Dopo il grande successo di pubblico e critica dello scorso anno, torna l’evento dedicato al fare creativo di qualità in cui architettura, design, moda, enogastronomia e arte collaborano ad un modello condiviso di stile, ecosostenibilità e recupero - inteso, sia come riutilizzo di materiali, sia come salvaguardia del lavoro artigianale e della dimensione umana del fare.
L’idea resta quella di allestire nel pieno centro di Milano uno spazio - l’orto appunto - dove diverse forme creative si riconoscano in una serie di valori condivisi: la semplicità e la funzionalità delle cose; l’importanza del passato per il recupero di un sentire autentico; la saggezza della natura nell’innovazione del presente; il gusto e la bellezza di ciò di cui ci circondiamo.
ortofabbrica
 
 
 
 
×
Bologna, Galleria Gnaccarini, dal 27/02 al 13/03
ADDUNA di Ringo of Dakar
Sabato 27 fabbraio 2010, alle ore 18.00, la Galleria Gnaccarini di Bologna presenta “Adduna”, personale di Ringo of Dakar, a cura di Marta Massaioli.
 
La mostra mette in evidenza un elemento comune a tutta la produzione artistica di ROD che consiste nel tentativo di conciliare due anime dell’arte eternamente contrapposte: da un lato la rappresentazione della realtà, la narrazione, dall’altro il segno pittorico non descrittivo, puramente simbolico - quasi ancestrale. A questo dualismo corrisponde una concezione dell’espressione artistica libera da vincoli geografici e capace di coniugare immagini, voci e suoni appartenenti a popoli diversi ma comuni a tutta l’umanità.
rod baobab
 
 
 
×
Bologna, Palazzo Bentivoglio, dal 30/01 al 31/01
Cromotour di Simonetta Scala
Sabato 30 Gennaio, in occasione di ArteFiera Off 2010, Cromotour propone l’ultima e spettacolare tappa del suo viaggio nel colore e apre al pubblico le porte di Palazzo Bentivoglio, uno dei più belli e meglio conservati edifici del cinquecento esistenti a Bologna.
Dalle ore 18.30 alle 21.30 la corte interna del palazzo si accenderà di immagini e musica per un tuffo nei colori del Messico più autentico.
Il light show, come viene solitamente definito uno spettacolo di questo genere, prevede la videoproiezione sulle pareti interne dell’edificio - costituite da due ordini di archi che corrono lungo l’intero perimetro della corte interna.
Si tratta di un’occasione unica nel suo genere per due fattori convergenti: da un lato l’innovativo lavoro di grafica, fotografia e colore di Simonetta Scala dall’altro la possibilità di allestire il light show in uno spazio di enorme bellezza e suggestione, solitamente adibito ad uso privato.
cromotour
 
 
 
 
×
Bologna, Contemporary Concept, dal 23/01 al 27/03
MOANA - Casta Diva
Dal 23 Gennaio al 27 Marzo 2010 si tiene a Bologna presso la galleria d’arte Contemporary Concept la mostra “Moana - Casta Diva” di Gianfranco Salis, prima esposizione fotografica di taglio artistico dedicata a Moana Pozzi.
La mostra, curata da Valerio Dehò, presenta ventidue fotografie di posa a figura intera realizzate tra il 1988 e il 1990. Gli scatti, di cui quindici del tutto inediti, immortalano uno dei personaggi italiani più controversi e affascinanti degli ultimi decenni mostrando con raffinatezza e gusto non solo la rara bellezza di una donna ma anche la sua spiccata personalità e il suo carisma.
 
Esistono migliaia di fotografie di Moana ma ben poche possono attestare l’alto profilo estetico e artistico di quelle realizzate da Gianfranco Salis, celebre ritrattista di soggetti femminili che nel corso degli anni Ottanta ha immortalato alcune delle più belle donne del cinema, della moda e della nobiltà romana tra cui: Margaux Hemingway, Sofia Loren, Laura Morante - fotografata per la prima campagna pubblicitaria di profumi femminili Armani - Anna Galiena e molte altre.
moana casta diva gianfranco salis
 
 
 
 
 
×
 
Milano-Monza-Sesto San Giovanni, dal 01/10 al 30/12
BOX SHOCK di Ronald Lewis Facchinetti
A partire dal 1°ottobre 2009 inaugura Box Shock, network di eventi di arte contemporanea, musica e design ideato da Ronald Lewis Facchinetti, che si svolgerà per tutto il mese di ottobre a Milano, Monza e Sesto San Giovanni. Quattro curatori, oltre 40 artisti e 70 installazioni per un museo-labirinto urbano allestito in strutture innovative delle città.
 
L’inaugurazione si terrà a Milano presso il Nhow Hotel, in via Tortona 35, dalle ore 19.30. Protagonisti di questo primo appuntamento saranno i Kilohertz, un duo composto da Ronald Lewis Facchinetti e Andrea Modica, che sperimenta l’uso di vettori di suoni e vibrazioni trasformando l’ascolto della musica in esperienza interiore ed educando così il corpo a fruire il suono in modo inedito.
 
L’approccio curatoriale di Box Shock apre una nuova prospettiva in materia di museologia pubblica e privata: ogni opera, happening o Body Concert è concepita per un luogo specifico, uno spazio intimo progettato e prodotto per isolare e proteggere il fruitore nel momento della contemplazione estetica.
box shock
 
 
 
 
 
 
×
Fabbrica, Gambettola, dal 03/07 al 02/08
Peter Pan e l'Orizzonte dei Rossi di Giorgio Bevignani
Peter Pan e l’Orizzonte dei Rossi, personale di Giorgio Bevignani a cura di Valerio Dehò nasce dall’incontro di due elementi convergenti: da un lato le grandi installazioni modulari a sospensione dell'artista, dall’altro gli ampi spazi offerti da Fabbrica, contenitore multifunzionale per le attività culturali sorto dal recupero dell’Ex Cementificio S.I.C.L.I. Oltre alla disponibilità di spazi adeguati ad accogliere opere d’arte di grande dimensione, la scelta di mantenere pressoché intatta l’originaria fisionomia dell’edificio ha rafforzato il dialogo tra la sede espositiva e le opere, realizzate per la maggior parte in cemento.
L’esposizione si articola in un’opera inedita site specific - da cui deriva anche il titolo della mostra - e in una selezione antologica dei migliori lavori di Bevignani, tra cui Cirri, Pharma, Perpiero, Diaphora e altri.Tutte le opere consisteranno in grandi installazioni a sospensione composte da moduli sferoidali in cemento, dipinti a fresco con pigmenti secchi. Il fulcro del lavoro di Giorgio Bevignani è l’indagine sullo spazio, o meglio, il modellare lo spazio. In questa prospettiva i moduli hanno la funzione di distanziatori, servono cioè a misurare lo spazio, a renderlo percorribile, a disegnare pieni e vuoti mettendo in relazione elementi diversi. Ciò evidenzia anche la natura performativa delle opere, le quali, attraverso la composizione dei moduli, invitano il fruitore a vivere lo spazio secondo un disegno stabilito dall’artista.
Medusa
 
 
 
 
 
 
 
 
 
×
Porto di Venezia, Chiesa di Santa Marta, dal 04/06 al 27/09
PORTO D'ARTI - 53.Biennale di Venezia
Dal 4 Giugno al 27 Settembre 2009 si terrà a Venezia, presso la Chiesa Di Santa Marta, “Porto d’Arti”, evento collaterale della 53 Esposizione Internazionale d’Arte - La Biennale di Venezia.
 
Il progetto, promosso dall’Associazione culturale il Sogno di Polifilo, è stato approvato dal Direttore della Biennale Arte, Daniel Birnbaum ed è firmato da Luciano Caramel, già Direttore dell’Istituto di Storia d’Arte dell’Università Cattolica di Milano. L’evento presenterà otto importanti artisti della scena contemporanea internazionale, accomunati da un particolare legame con la città di Venezia, scelta da ciascuno come luogo di lavoro e creazione artistica: Franco Batacchi, Ennio Finzi, Ferruccio Gard, Riccardo Licata, Gianmaria Potenza, Santorossi, Livio Seguso, Ottorino Stefani.
finzi
 
 
 
 
 
 
 
 
×
Milano, Via Savona 37, dal 22/04 al 27/04
ORTOFABBRICA di Angelo Grassi
Dal 22 al 27 Aprile, nell’ambito di ZonaTortona Design 2009, si terrà, presso il cortile in via Savona 37, ORTOFABBRICA, progetto ideato, realizzato e promosso da Angelo Grassi.
 
ORTOFABBRICA nasce dall’idea di uno spazio - un orto appunto - in cui diverse categorie del fabbricare creativo - architettura, design, moda, arte - potranno piantare ciò che vogliono secondo un modello unitario di stile e qualità della vita. Ciascuna delle maestranze artigiane coinvolte declinerà a proprio modo un sentire comune, un sentire che predilige la semplicità e la funzionalità al superfluo e al superficiale e che agisce con un’attenzione particolare ai materiali, alla forma, all’innovazione, all’affermazione in definitiva di valori etici precisi.
seduta
 
 
 
 
 
 
×
Trento, Castel Pergine, dal 18/04 al 09/11
LA PERSISTENZA DEL SEGNO di Mirta Carroli
Il 18 Aprile inaugurerà la 17ma edizione dell’appuntamento annuale con la scultura contemporanea di grandi dimensioni a Castel Pergine, nel suggestivo paesaggio della Valsugana.
 
Quest’anno i curatori Franco Batacchi, Theo Schneider e Verena Neff hanno scelto di esporre Mirta Carroli, una delle pochissime scultrici donne della scena contemporanea, la quale, seguendo il filo comune che ha caratterizzato le mostre precedenti, proporrà una serie di lavori site specific. Venti le sculture, per la maggior parte appositamente progettate per questo luogo, che si snoderanno in un percorso tematico unitario lungo le due cinte murarie e il cortile esterno del castello. Altrettante opere saranno collocate nelle sale interne dove si alterneranno ceramiche, sculture di medie e piccole dimensioni e disegni.
mirta carroli
 
 
 
 
 
 
×
Roma- Studio Arte Fuori Centro, dal 07/04 al 30/04
PROFILI CURVI di Annamaria Gelmi
Tra il Grand Canyon in Arizona e le montagne austriache degli Alti Tauri Annamaria Gelmi definisce nitidamente un suo preciso tracciato di ricerca dal significato tutto sommato universale.
Da sempre conserva nello sguardo panorami variamente profilati di cime che chiudono a volte l´orizzonte, aprendolo altre volte a tratti alla vista, che può così sconfinare, oltrepassando quella barriera, alla ricerca di un oltre.
Il tema delle vette montuose assume quindi per la Gelmi valore universale di ricerca sul significato di confine e sull´importanza da attribuire alla linea-profilo; riflessioni, queste, che convogliate in significativi lavori, danno corso ad opere come il libro a quattro mani con Luigi Serravalli sul tema della Montagna- dell´artista sono le immagini correlate al testo - esposto alla Biennale di Venezia del 1995, e alla pubblicazione del suo minilibro Ski Line nel 2002, con l´editore d´arte Campanotto di Udine.
×
 
Bologna, Palazzo d'Accursio, dal 20/12 al 09/01
Le Thangka del Tibet
Dal 20 Dicembre 2008 al 9 Gennaio 2009 si terrà a Bologna, presso la prestigiosa Sala d’Ercole di Palazzo d’Accursio la mostra d’arte tibetana a scopo benefico “Le Thangka del Tibet. Arte e Spiritualità della Terra delle Nevi”.
La mostra è promossa dalla Kailash onlus, associazione per i profughi tibetani, e dall’ufficio di organizzazione e comunicazione Culturalia, in collaborazione con il Comune di Bologna, che ha generosamente concesso la sede espositiva, e con il sostegno dell’Assessorato Cultura e Pari Opportunità della Provincia di Bologna. L’evento ha inoltre ottenuto il patrocinio di: Comune di Bologna, Provincia di Bologna, Regione Emilia Romagna, Alma Mater Studiorum Università di Bologna. Hanno contribuito alla realizzazione dell’iniziativa UniCredit Banca e Coop Adriatica.
 
La mostra proporrà una selezione di preziose Thangka tibetane, composizioni artistiche di carattere religioso dipinte o ricamate su lino e seta. Il nucleo di dipinti che verrà esposto a Bologna sarà composto da circa trentacinque opere risalenti ad epoche diverse, alcune precedenti all’invasione cinese del Tibet del 1959.
copertina catalogo
 
 
 
×
Bruxelles, CIVA-Centro Culturale, dal 29/10 al 29/10
Incontro con Gillo Dorfles a Bruxelles
Presentazione dell’ultimo libro del celebre critico e pittore Gillo Dorfles Horror pleni. La (in)civiltà del rumore e proiezione del documentario Attraverso il tempo attraversato dal tempo…Un secolo con Gillo Dorfles (Italia, 2007) del regista Francesco Leprino. A cura di Marianna Accerboni.
 
Interverranno Gillo Dorfles, Marianna Accerboni e Francesco Leprino
gillo dorfles
 
 
×
Bologna. Galleria De' Fusari, dal 18/10 al 24/12
Bologna, 1850-1899
Sabato 18 ottobre 2008 alle ore 17.00 la Galleria Dé Fusari di Bologna presenterà la nuova mostra dal titolo “Bologna, 1850 – 1899”. Un appuntamento unico e imperdibile che rinnova e consolida la tradizionale attenzione della galleria bolognese nei confronti di opere di rilevante importanza storico-artistica.
 
Si tratta di una rarissima raccolta di dipinti inediti di artisti bolognesi eseguiti tutti entro le date specificate nel titolo, dunque una vera mostra di pittura dell’Ottocento senza compromessi o “sforature” nel XX secolo.
 
Essa propone una cinquantina di opere di ventidue diversi artisti bolognesi seguendo l’evoluzione della pittura nella seconda metà del XIX secolo.
augusto ferri
 
 
 
×
Trieste, duplice mostra, dal 25/09 al 25/10
SENTIERI di Roberto Tigelli
Il 25 settembre 2008 verrà inaugurata presso il Museo d'Arte Moderna "Ugo Carà" di Muggia (TS) “Sentieri”, la grande personale di Roberto Tigelli, la cui vicenda artistica nasce e si sviluppa tra Trieste e Milano vedendolo presente per tutto il corso degli anni Ottanta e Novanta in importanti rassegne artistiche internazionali. La mostra ed il catalogo sono a cura di Federica Luser, la quale sabato 27 settembre alle ore 18,30 presso lo Spaziotrart di Trieste da lei gestita inaugurerà un’esposizione collaterale alla mostra stessa sempre con opere di Tigelli.
sentieri tigelli
 
 
 
×
Bologna centro e Teatro delle Celebrazioni, dal 18/09 al 20/09
AlmaJazz Volvo Music Festival
TERZA EDIZIONE della RASSEGNA INTERNAZIONALE DI BIG BAND UNIVERSITARIE
 
Per questa terza edizione Alma Jazz – Volvo Music Festival ha puntato tutto sull’utilizzo degli spazi pubblici della città. Dal 18 al 20 Settembre 2008 infatti, Bologna verrà capillarmente e letteralmente invasa dal ritmo coinvolgente ed irrefrenabile dei 200 musicisti giunti dagli Atenei di tutta Europa (Bologna, Ferrara, Warwick, Karlsruhe, Räpina, Valbonne) per riunire la città intera sotto la bandiera dell’internazionalità culturale.
Parchi, piazze, cortili e jazz club vedranno un continuo via vai di orchestre e di persone che – dopo il successo delle passate edizioni – accorreranno per godere delle esibizioni, rigorosamente gratuite. Durante il giorno saranno gli spazi aperti ad accogliere musicisti e pubblico: le big band si alterneranno su palchi adibiti per l’occasione. La sera invece, i locali cittadini che solitamente propongono musica dal vivo offriranno l’atmosfera ideale per concerti ed improvvisazioni davvero fuori dal comune.
Almajazz 2008 foto Sergio Cimmino
 
×
MANIFESTA-varie sedi, dal 10/07 al 26/10
ACTIONS. Art, Culture, Generation
“Actions. Art, Culture, Generation” parallel events to Manifesta7.
 
Progetto ideato e curato da Giorgia Lucchi e Marco Tomasini con il sostegno dell’Assessorato alla Cultura della Provincia autonoma di Trento; realizzato dalla Galleria Arte Boccanera Contemporanea, in collaborazione con Mafalda - Associazione Donne Trento e con Trentino Trasporti. Si tratta di una mostra caratterizzata da opere site-specific e dislocata su tre differenti sedi; si articolerà a Trento – presso la Galleria Arte Boccanera Contemporanea –, a Villazzano – presso il parco dell’Ente CRA – e a Pergine Valsugana – presso il nuovo Centro Intermodale. In questi luoghi saranno allestiti lavori che spaziano attraverso le varie discipline artistiche, dalla pittura alla scultura, dalla fotografia ai video, dalle installazioni alle video-installazioni realizzate da 10 artiste: Lien Botha, Tatiana Festi, Annamaria Gelmi, Kaoru Katayama, Lucìa Madriz, Elena Monzo, Maria Lucrezia Schiavarelli, Cinthya Soto, Chiara Tagliazucchi, Ueia Lolta. Il fulcro del progetto è dato dal vivace confronto generazionale e interculturale fra figure femminili conosciute sia a livello locale che internazionale, che si interrogano su Trento, il Trentino - Alto Adige quale terra di incontro e confronto, di confine e di transito.
actions
 
 
 
 
 
 
×
Trento, Castel Pergine, dal 19/04 al 09/11
SANTOROSSI EgoLogo
Il 19 aprile verrà inaugurata la 16ma edizione dell’ormai storico appuntamento con la scultura contemporanea di grandi dimensioni nel suggestivo scenario di Castel Pergine in Valsugana, sede che negli anni passati ha visto nomi di grande pregio quali Plessi, Somaini, Lorenzetti, Celiberti, Staccioli, Castagna, Gelmi, Abate, Zavagno ed altri.
 
L’esposizione di quest’anno, che fa parte degli eventi collaterali di Manifesta 7, come di consueto si potrà visitare per sette mesi e vedrà protagonista l’artista italiano Santorossi che, invitato a studiare una soluzione totalizzante dai curatori Franco Batacchi, Theo Schneider e Verena Neff ha predisposto un apposito progetto comprendente numerose installazioni inedite che creeranno un percorso tematico attraverso le due cinte murarie ed il cortile interno. Queste opere, che si situano in un orizzonte tecnico a metà tra la pittura e la scultura, sono realizzate nel materiale tipico della pubblicità edilizia e stradale della quale riprendono le sembianze portando però contenuti differenti.
 
Il titolo della mostra – Santorossi: EgoLogo – rispecchia la tematica approfondita per l’occasione. Si tratta di una sorta di gigantesca autoanalisi, sul filo di un racconto visivo in bilico tra ironia ed esperienza, comunicazione e demistificazione, che utilizza alcuni “strumenti” propri della sociologia e della psicoanalisi riproposti tenendo conto della scala visiva contestuale, nell’intento di creare le condizioni per una reale partecipazione del pubblico attraverso un coinvolgimento dapprima fisico e conseguentemente emotivo.
arco
 
 
 
 
 
 
×
 
Bologna Centro e Teatro delle Celebrazioni, dal 20/09 al 22/09
Almajazz Volvo Music Festival
Dal 20 al 22 Settembre 2007 si svolgerà a Bologna la seconda edizione di Alma Jazz – Volvo Music Festival, il primo festival italiano dedicato alle orchestre jazz universitarie: una kermesse di tre intense giornate nelle quali interverranno otto big band provenienti dagli atenei di tutta Europa.
 
160 musicisti, di età tra i 18 e i 30 anni, si riverseranno nelle vie, nelle piazze, nei mercati, nei parchi, nei clubs e nei teatri a suon di jazz, mescolando i generi, improvvisando jam session, unificando col potere poliglotta di timbri, fiati e percussioni i diversi idiomi. Una festa colorata e giovane che coinvolgerà tutta la città, sede della più antica Università, in apertura delle celebrazioni per Bologna eletta dall’ Unesco “Città creativa della musica”, prima città in Italia e seconda in Europa dopo Siviglia.
 
Alma Jazz – Volvo Music Festival, è ideato dall’associazione culturale Alma Entertainment nell’ambito di UniBoCultura, il cartellone che raccoglie gli eventi culturali organizzati dall’Università di Bologna. La rassegna, che ha il patrocinio del Comune di Bologna, della Regione Emilia-Romagna e della Provincia di Bologna, si avvale della direzione artistica di Teo Ciavarella e dell’organizzazione del Teatro delle Celebrazioni e vede come suo partner principale Volvo Auto Italia, con il contributo della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna.
Almajazz 2007
 
×
Bologna, Scuderie, dal 01/03 al 07/06
Educazione Sentimentale
Dal 1° marzo al 7 giugno 2007, Unibocultura, insieme all’ideatore del progetto Francesco Campione, Professore di Psicologia Clinica all’Università di Bologna, promuove presso la Scuderia, locale di riferimento per i giovani in ambito universitario ma non solo, un ciclo di otto incontri sull’“Educazione Sentimentale” che vedranno protagonisti personaggi autorevoli come Paolo Crepet, Concita De Gregorio, Cinzia Leone, Vladimir Luxuria, Morgan, Tullio Solenghi, per dar vita ad un dibattito sulle tematiche più attuali ed interessanti legate alla vita sentimentale.
Gli appuntamenti si svilupperanno in un vero e proprio percorso educativo con l’intento di creare un canale di comunicazione permanente tra l’Università, i suoi studenti e un pubblico interessato, in cui convergano problematiche comuni come quelle dei sentimenti dell’individuo, a cui non viene solitamente dedicata una scrupolosa attenzione formativa.
Locandina Educazione sentimentale
 
×
Bologna, Via Nosadella 2, dal 26/01 al 11/02
Nosadella.due
Mobili inaugura a Bologna lo spazio Nosadella.due, una residenza per artisti e critici ideata da Elisa Del Prete e Lelio Aiello come punto di confluenza, ideazione e creazione delle espressioni più aderenti alla cultura contemporanea visiva.
 
Anticipazione della Residenza di artisti che si avvierà da aprile 2007, Mobili allude ai due significati che esprime, presentandosi come duplice evento che comprende al tempo stesso una mostra e una residenza: la mobilità di artisti e curatori invitati in Residenza si sposa infatti alla dimensione domestica in cui essa avrà luogo.
 
La mostra, che inaugurerà tra gli eventi collaterali di ArteFiera il 26 gennaio per durare fino all’11 febbraio 2007, presenterà installazioni di Flavio Favelli, Boaz Kaizman, Simon Moretti, Pantani-Surace, Reynolds/Jolley Vedovamazzei, pensate per lo spazio di Nosadella.due, casa in cui si svilupperanno le residenze successive. La contaminazione che si innesta tra arte e spazio abitativo che, dalle mura all’arredamento, presenta tracce della sua storia architettonica e umana, intende sottolineare come l’estetica del quotidiano sia diventata una peculiarità sempre più rilevante della cultura contemporanea.
NosadellaDue Vermuthall Favelli
 
×
 
Galleria Garisenda, Bologna, dal 20/10 al 11/11
Sacro e profano nelle incisioni da Guercino
Venerdì 20 ottobre 2006 alle ore 18 la Galleria Garisenda, punto di riferimento ormai storico per le incisioni e i libri antichi nel panorama nazionale ed internazionale, presenterà la sua mostra autunnale interamente dedicata a Francesco Barbieri da Cento detto il Guercino. La mostra "Sacro e Profano nelle incisioni da Guercino“ vedrà protagonista il maestro con le uniche due stampe attribuitegli insieme ad altre ancora dubbie.
Accanto al Guercino, tutti gli artisti che dai suoi dipinti trassero incisioni che favorirono la diffusione delle sue innovazioni stilistiche.
Francesco Bartolozzi Ritratto di Guercino
 
 
×
Castel Pergine, Trento, dal 22/04 al 05/11
ANNAMARIA GELMI - fuori luogo comune
Il 22 aprile 2006 si inaugura nel suggestivo scenario del Castel Pergine in Valsugana la 14ma edizione della rassegna dedicata alla grande scultura contemporanea. La mostra, ormai consueto appuntamento, è da tempo punto di riferimento nel panorama delle attività culturali nazionali e del Trentino-Alto Adige: ogni anno conta circa 75 mila visitatori, di cui oltre la metà provenienti dall'estero. Dopo le prime due edizioni con Plessi (nel 1991) e Scarabelli (nel 1994), la mostra nel Castello di Pergine ha consolidato il suo prestigio assumendo una precisa fisionomia e imponendosi all’attenzione della critica e del pubblico. Sono stati presentati scultori come Staccioli, Castagna, Licata, Habicher e altri protagonisti della scena artistica italiana.
L’esposizione di quest’anno- ANNAMARIA GELMI fuori luogo comune- ha il patrocinio del MART e degli enti locali ed è prodotta e organizzata da Castelpergine srl.
Protagonista della rassegna monografica 2006 è, per la prima volta, un'artista della regione ospitante: Annamaria GeImi, infatti, è nata e vive a Trento. Il suo curriculum attesta un lungo percorso di ricerca a livello europeo e quest’occasione costituisce una sorta di consacrazione a livello internazionale. L’allestimento della sua mostra è in fase di completamento e una ricognizione in loco consente già di apprezzare la fedeltà della realizzazione, rispetto al progetto che l’artista aveva approntato nel corso di oltre due anni di studio.
Annamaria Gelmi immagine guida Fuori luogo comune
 
 
×
Torino-Palazzo Stupinigi, dal 08/02 al 12/03
Sculture en plein air
Mercoledì 8 febbraio, in occasione delle Olimpiadi invernali di Torino, verrà aperta la prestigiosa mostra di scultura contemporanea Sculture en Plein Air. La mosta ospita circa 50 opere di artisti italiani e stranieri ed è articolata nelle seguenti sedi: Cortile d’Onore della Palazzina di Caccia di Stupinigi, Limone Piemonte città e Parco La Riserva Bianca.
La mostra insignita del Premio di rappresentanza del Presidente della Repubblica è posta sotto Patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e sotto il Patrocinio del Comune di Limone Piemonte.
E’ promossa da Giovanni Morzenti, Presidente dello Sporting Club Riserva Bianca e dall’Associazione Culturale “Amici di Limone” ed è realizzata da Nicola Loi - Studio Copernico, Milano.
La mostra sarà accompagnata da un prestigioso catalogo a colori di grande formato edito da Bandecchi & Vivaldi. Il catalogo con un saggio di Maurizio Calvesi, contiene le schede delle opere in mostra redatte da Luigi Marsiglia e le fotografie, con le opere in loco, sono di Aurelio Amendola.
 
Sculture en plein air Mitoraj
 
 
×
Kunst Merano Arte, dal 03/02 al 17/04
2000-2006. Architettura recente in Alto Adige
Per poter presentare la molteplicità degli aspetti dell’architettura e del paesaggio dell’Alto Adige, in occasione dei rispettivi anniversari per i 60 e 10 anni di attività, l’Associazione degli Artisti Altoatesini e Merano arte hanno deciso di collaborare per dare vita a una mostra che documenti l’ampio spettro che investe l’attuale realtà architettonica e edile in Alto Adige. Nell’interesse comune è stato scelto il titolo “2000-2006 Architetture Recente in Alto Adige”. Una giuria internazionale (Joseph Grima, Domus, Milano; Roman Hollestein, NZZ, Zurigo; Hanno Schlögl, architetto, Innsbruck e la curatrice dell’intero progetto Bettina Schlorhaufer, storica dell’arte, Innsbruck) ha scelto 45 progetti architettonici tra più di 300 provenienti da tutte le zone della regione che prenderanno parte alla mostra e alla pubblicazione ad essa correlata.
Architettura in Alto Adige
 
 
×
 
Bologna, dal 26/11 al 26/11
Gerard Depardieu e Umberto Eco Leggere Sant’Agostino - Le Confessioni
Il Centro della Voce dell’Università di Bologna, diretto da Lino Britto, promuove nell’ambito di UNIBOCULTURA come ultimo appuntamento del programma culturale del 2005, un evento di alto spessore culturale ed eccezionale nel suo genere.
 
Gérard Depardieu leggerà in francese le Confessioni di Sant’Agostino commentate in italiano da Umberto Eco, sabato 26 novembre nell’Aula Magna dell’ Università di Bologna. L’uno nella veste di lettore e l’altro di commentatore si soffermeranno su alcuni dei paesaggi più significativi del testo e in particolare sui temi che trattano il tempo e la memoria, poi il dubbio e la conversione e infine l’incontro con Dio.
L’incontro di Depardieu con Eco a Bologna, per la prima volta insieme, diventa un appuntamento unico e irrepetibile per l’Italia e sicuramente importante per la città.
Gerard Depardieu
 
 
×
Bologna, dal 19/11 al 14/01
Chia + Clemente + Paladino la Transavanguardia a Bologna
Una mostra veramente eccezionale si aprirà a Bologna il 19 novembre presso la Galleria Di Paolo Arte. Protagonista sarà Sandro Chia con una decina di opere, cui faranno da controcanto due magnifici lavori di Mimmo Paladino e di Francesco Clemente. Un omaggio quindi non solo all’artista fiorentino Sandro Chia, ma anche alla Transavanguardia.
Teorizzata dal critico d’arte Achille Bonito Oliva e sostenuta da alcune gallerie lungimiranti, la Transavanguardia, è stato un momento fondamentale per l ‘arte che ha chiuso il secolo XX. In primo luogo si è manifestato un preponderante desiderio di tornare a dipingere e quindi di abbandonare il tono freddo e distaccato dell’arte povera e concettuale. La pittura con Chia, Clemente, Paladino, Cucchi, de Maria è tornata tra la fine degli anni 70 e i primi 80, ad essere protagonista non solo delle gallerie d’arte e musei, ma anche dei gusti del pubblico. Questo “ritorno alla pittura” fu salutato come una liberazione nelle fiere e nei musei, perché ormai il concettuale era diventato sterile e accademico. In secondo luogo l’Italia ha ritrovato in questo modo le sue radici e la propria cultura. L’arte italiana è fondamentalmente legata alla pittura e al colore, e gli artisti in mostra lo dimostrano ampiamente.
Francesco Clemente autoritratto 1985 pastello e acquerello su carta
 
 
×
KunstMeranoArte , dal 01/10 al 08/01
Stretch Sculpture
Merano Arte inaugura la nuova stagione espositiva il 1° ottobre 2005 con la mostra Stretch Sculpture, dedicata agli orientamenti più innovativi della pratica artistica scultoreo-installativa contemporanea presentati nei linguaggi più diversificati dei lavori dell’austriaco Hans Kupelwieser (…), dell’alto adigino Peter Senoner (1970), dello svizzero Erik Steinbrecher (1963), dell’italiana Sissi (1970) e del giapponese Masanori Sukenari (1960).
La mostra “Stretch sculpture” trasforma la casa di Merano Arte in campo d’azione di una scultura in espansione dove le costruzioni artistiche si sollevano plasticamente come pieghevoli di carta. La Kunsthaus sembra trasformarsi così in un enorme libro Pop Up, che irrompe nella realtà sviluppando una vita propria, drammatica, spiritosa, arguta, poetica quanto perfida.
La curatrice della mostra, Marion Piffer Damiani, ha invitato i cinque artisti internazionali a dialogare con gli spazi articolati del museo, alterandone l’usuale percezione e il più facile percorrimento, attraverso opere in tensione nello spazio e in movimento nel tempo.
stretch sculpture sissi
 
 
×
Palazzuolo sul Senio (FI), dal 02/07 al 11/09
Francesco Pagliazzi. Un Maestro e la Poesia.
Sabato 2 luglio 2005 verrà inaugurata a Palazzuolo sul Senio la mostra “Un Maestro e la
Poesia. Dipinti di Francesco Pagliazzi (1910-1988) in mostra a Palazzuolo sul Senio”.
La mostra, a cura di Silvestra Bietoletti e Barbara Montevecchi, è promossa dall’Assessorato alla
Cultura di Palazzuolo sul Senio in collaborazione con il Consiglio Regionale della Toscana e con il
patrocinio della Regione Toscana, Provincia di Firenze, Comunità Montana del Mugello e APT di
Firenze.
La mostra vuole rendere omaggio al pittore Francesco Pagliazzi nel luogo che più di altri ha
ispirato la sua opera fin dagli anni della prima maturità, Palazzuolo sul Senio, paese d'antica storia ai
confini fra la Toscana e l'Emilia Romagna.
Una rassegna di circa sessanta opere tra dipinti e bozzetti, allestita nelle sale espositive di
Palazzo Strigelli e nella dimora palazzuolese del pittore, che ripercorre la carriera artistica di Pagliazzi a
partire dagli anni del dopoguerra, agli anni 50-60 che lo vedono attivo a Firenze, Parigi, Venezia, New
York, fino alla vecchiaia, quando Palazzuolo, come inesauribile fonte ispiratrice, diviene la residenza
prediletta dell'artista.
Francesco Pagliazzi Donna di spalle
 
 
×
 
, dal 00/00 al 00/00
×
 
aggiungiti alla nostra mailing list  
Culturalia
Vicolo Bolognetti, 11
40125 Bologna IT
Tel. +39 051 6569105
Fax +39 051 2914955
info@culturaliart.comfacebook