fbpx

Culturalia di Norma Waltmann / Ufficio stampa e comunicazione d’arte e cultura

“Livio Seguso. La luce nel tempo” in mostra a Casa dei Carraresi

Casa dei Carraresi, Treviso
dal 18 maggio al 01 luglio 2007

Livio Seguso – La luce nel tempo, in mostra a Casa dei Carraresi, si articola in un suggestivo allestimento che riscopre, lungo un percorso cronologico, tutta l’esperienza creativa dell’artista dal 1978 ad oggi, esibendo i suoi spettacolari lavori in vetro, acciaio, marmo, granito e legno oltre ad una serie di gigantografie e disegni che ne illustrano gli aspetti preparatori. Il pubblico viene catturato da opere d’arte in cui una stupefacente abilità tecnica si sposa al rigore progettuale ed entrambi si attuano nel rispetto dell’intuizione poetica del maestro. Ne derivano opere scultoree in cui sono protagoniste forme essenziali che rimandano però ad una realtà naturale e in cui il vetro si compone con altri materiali dando vita ad un gioco di luci in cui si alternano trasparenza e opacità.

Lo scultore veneziano fa tesoro di un mestiere antico che egli stesso ha contribuito ad arricchire, per uscire poi dagli schemi di una tradizione ed inserirsi all’interno della ricerca avviata dai protagonisti delle avanguardie storiche. Riconosciuto a livello internazionale e annoverato tra i protagonisti dell’arte plastica  contemporanea, Seguso è già stato invitato ad esporre alla Biennale di Venezia, presso importanti musei e gallerie in tutta Europa, fino ad essere presentato, negli ultimi anni, anche in musei e gallerie americane e giapponesi. Diversi cataloghi monografici illustrano e documentano tutto il suo lavoro con interventi critici tra gli altri, di Giuseppe Marchiori, Enrico Crispolti, Enzo Di Martino, Pierre Restany, Atsushi Takeda, Jiri Kotalik,Raffaele De Grada, Guido Perocco e numerosi altri.

UFFICIO STAMPA CULTURALIA

Sei interessato alla promozione e comunicazione del tuo evento, mostra o progetto?

Compila il modulo di contatto descrivendo la tua richiesta.

Oppure contattaci telefonando al numero:

Torna su