fbpx

Culturalia di Norma Waltmann / Comunicazione d’arte e organizzazione eventi culturali

In arrivo a Bologna una retrospettiva su Carlo Gajani a cura di Renato Barilli

A dieci anni dalla morte di Carlo Gajani, arriva – dall’8 ottobre al 6 novembre 2020 – a Bologna una grande retrospettiva dell’artista a cura di Renato Barilli (coadiuvato da Piero Casadei e Luca Monaco per la fotografia e Giuseppe Virelli per la pittura) negli spazi del Centro Studi della Didattica delle Arti di Via Cartoleria 9. La mostra è promossa dalla Fondazione Carlo Gajani presieduta da Angela Zanotti Gajani e dal Liceo artistico Francesco Arcangeli di Bologna.

CARLO GAJANI IN MOSTRA A BOLOGNA

La mostra ripercorre l’intera carriera di Gajani attraverso una vasta selezione di opere che copre un arco temporale di oltre quarant’anni diviso in tre sezioni principali. La prima e la seconda sono dedicate rispettivamente all’incisione e alla pittura e vanno dagli anni Sessanta agli anni Settanta del secolo scorso, con un percorso che pone sotto la lente d’ingrandimento il passaggio dell’artista dalla prima fase Informale a quella propriamente Pop, per concludersi con un ultimo periodo caratterizzato dalla sperimentazione di una sorta di pittura “neo-divisionista”.

Carlo Gajani è stato un artista bolognese che si è dedicato principalmente all’incisione, alla pittura e alla fotografia. Negli anni ’70 rivolge il proprio interesse verso il ritratto dipinto a partire da una base fotografica ed esegue così numerosi ritratti di artisti, scrittori e intellettuali – da Moravia a Pasolini, da Calvino a Eco, da Arbasino a Ginzburg. Altri temi e soggetti di suo interesse sono stati i paesaggi urbani e non, i nudi e i rapporti che si instaurano tra fotografo e modella. Le opere di Gajani sono state esposte in diversi spazi privati e pubblici in Italia, Francia, Regno Unito, Germania, Stati Uniti e Canada.

PRESS KIT & IMMAGINI

Condividi sui Social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin

News che ti potrebbero interessare:

Lo spettacolo “DISCOBUNKER” di Stefano Mereu e Marianna Bianchetti vince “Le voci dell’anima 2020″ di Rimini

Grande successo per “Discobunker”, pièce teatrale scritta e diretta da Marianna Bianchetti e Stefano Mereu (produzione Centripeta). L’opera, con la sua vittoria, chiude in bellezza la rassegna “Le voci dell’anima 2020. Lassandè“ a cura di Teatro della Centena (Rimini) in collaborazione con ResExtensa (Bari) e Più Live Arts (Milano) che si è tenuta a Rimini dal 29 settembre

Rome Art Week VideoArt

Rome Art Week VideoArt Contest: al via l’open call

Rome Art Week, nella sua missione di incentivare l’offerta artistica contemporanea della Capitale, istituisce il suo primo VideoArt Contest indirizzato ai videoartist. Le opere verranno selezionate dalla direzione artistica del progetto e verranno esposte fisicamente all’interno della sede dell’Associazione Kou e digitalmente sul sito www.romeartweek.com durante la settimana dell’arte contemporanea di Roma che si terrà

Festival del giornalismo d'inchiesta Bologna

Diego Gandolfo conduce il Festival del Giornalismo d’Inchiesta a Bologna

Giovedì 17 settembre alle 18:00 il giornalismo d’inchiesta arriva con due giornate di dibattito e confronto al Baraccano – Casa delle Associazioni in via Santo Stefano 119/2, Bologna . A moderare e dialogare con gli ospiti sarà Diego Gandolfo, giornalista investigativo, scrittore e vincitore del Premio Morrione nel 2015. Dopo il successo del libro “I

Torna su