Culturalia di Norma Waltmann / Comunicazione d’arte e organizzazione eventi culturali

Temakinho approda a Bologna nello storico Palazzo Zambeccari

Giovedì 18 giugno 2020 Temakinho, il ristorante nippobrasiliano tra i più conosciuti e apprezzati al mondo, approda a Bologna nel prestigioso Palazzo Zambeccari. In città è il primo locale della nota catena che già da anni conta numerose sedi nel mondo (5 sedi a Milano, 3 a Roma, 2 a Londra, e poi, ancora, Ibiza, Formentera, Verona, Firenze e Modena) e che ha lanciato in Italia il trend dei ristoranti fusion tropicali.

Nel cuore di Bologna a Palazzo Zambeccari l’innovazione culinaria incontra la storia e l’eleganza. L’esclusiva cornice, che conta otto secoli di storia e che accoglie opere d’arte di pregio realizzate dai Carracci, dal Brizio e dal Samacchini, è oggi una location dedicata allo shopping esclusivo e che si presta ad essere teatro di eventi culturali e sociali della città Bologna.

TEMAKINHO A PALAZZO ZAMBECCARI: INNOVAZIONE CULINARIA NIPPO-BRASILIANA

Con una scelta al passo con i tempi e uno spirito innovativo, Palazzo Zambeccari intende la nuova apertura come un’occasione stimolante per contribuire alla ripartenza post lockdown e per impreziosire il centro storico con una nuova offerta culinaria. E’ la prima volta che il palazzo accoglie un format di food, consapevole dell’importanza che il settore sta avendo sempre di più per Bologna. I piatti di Temakinho nascono dall’unione della cultura giapponese con quella brasiliana: una fusione eclettica che incuriosisce da anni i palati del pubblico grazie all’uso innovativo dei profumi e dei colori tipici del Sud-America mescolati alla qualità delle materie prime. Il tutto servito in un ambiente fresco e contemporaneo, dove la cucina incontra il design e in cui tutto è legato, nei decori, negli odori, nei colori.

Le specialità culinarie fusion del concept restaurant hanno origine nei primi del 1900 in seguito all’emigrazione di numerose famiglie giapponesi in Brasile che ad oggi, ne conta la più grande comunità al di fuori del Giappone. È da questo incontro di culture che nascono le specialità della cucina Nikkei che combina la leggerezza del sushi agli ingredienti tropicali e briosi del Brasile.

Per ogni città Temakinho crea un mood tematico particolare: il ristorante di Bologna sarà nel segno dell’Amazzonia, un tempio interamente dedicato alle forze della natura, con un’esplosione di elementi tribali, texture, colori e carte da parati di design.

TEMAKINHO ATTENTO ALL’AMBIENTE

Temakinho è da sempre attento all’ambiente e alla sostenibilità: è la prima catena di ristoranti al mondo ad aver ottenuto la certificazione “Friend of the Sea”, grazie alla scelta di pesce certificato sostenibile. Inoltre, tutti i ristoranti sono plastic-free, scegliendo packaging per l’asporto completamente compostabile e offrendo gratuitamente ai propri clienti acqua filtrata in brocche di vetro.

SCARICA IL PRESS KIT

Condividi sui Social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin

News che ti potrebbero interessare:

Riccardo Muti concerto a Ravenna

La musica riparte con Riccardo Muti alla Rocca Brancaleone di Ravenna e Culturalia ci sarà

Nello storico spazio all’aperto l’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini e il soprano Rosa Feola si uniranno a Riccardo Muti per il primo concerto con pubblico in Italia dopo il lungo e assordante silenzio imposto dalle misure per contenere l’epidemia; un appuntamento di grande portata simbolica – la cui ufficialità sarà sottolineata anche dalla presenza del Ministro

Temakinho apre a Bologna Palazzo Zambeccari

Temakinho approda a Bologna nello storico Palazzo Zambeccari

Giovedì 18 giugno 2020 Temakinho, il ristorante nippobrasiliano tra i più conosciuti e apprezzati al mondo, approda a Bologna nel prestigioso Palazzo Zambeccari. In città è il primo locale della nota catena che già da anni conta numerose sedi nel mondo (5 sedi a Milano, 3 a Roma, 2 a Londra, e poi, ancora, Ibiza,

Copertina Il giornale dell'arte

Culturalia sul nuovo numero de Il Giornale dell’Arte

Questo mese approdiamo sulle pagine de Il Giornale dell’Arte, uno tra i più importanti periodici italiani del mondo dell’arte. Vi sveliamo una piccola, ma significativa, selezione dei progetti che seguiremo nella comunicazione durante i prossimi mesi. VRUMS Virtual Reality Rooms Italia e Vitruvio Virtuale Museum insieme per l’atteso ZED Festival Internazionale di Videodanza a Bologna.

Torna su